2 commenti

[Segnalazioni] Salari e disuguaglianza, Europa, ruolo nel credito nelle recessioni

Segnaliamo alcuni paper di recente pubblicazione dalla newsletter New Economics Papers on Post Keynesian Economics:

Are higher wages good for business? An assessment under alternative innovation and investment scenarios

Caiani, Alessandro; Russo, Alberto; Gallegati, Mauro

Questo paper mira a indagare l’interazione tra disuguaglianza, dinamiche dell’innovazione e comportamenti di investimento nella definizione dei modelli a lungo termine dello sviluppo di un’economia chiusa. Estendendo l’analisi proposta da Caiani et al. (2017) esploriamo gli effetti di regimi salariali alternativi in diversi scenari di investimenti e cambiamenti tecnologici. I risultati degli esperimenti sembrano de-enfatizzare il ruolo del progresso tecnologico come una possibile fonte di maggiore disuguaglianza. Nel complesso, i risultati della simulazione sono coerenti con il predominio di un regime di crescita guidata dai salari nella maggior parte degli scenari analizzati: una crescita più rapida dei salari dei lavoratori a basso e medio livello, rispetto ai manager, generalmente esercita effetti benefici sull’economia e consente di contrastare gli effetti salariali del progresso tecnologico. Inoltre, contrariamente a quanto a volte si discute nel dibattito accademico e politico, una distribuzione più favorevole ai lavoratori non compromette la redditività delle imprese, ma piuttosto rafforza la creazione di un ambiente macroeconomico più favorevole che incoraggia ulteriori innovazioni, stimola gli investimenti e sostiene la crescita economica.

When Keynes goes to Brussels : a new fiscal rule for the EMU

Francesco Saraceno (Observatoire français des conjonctures économiques)

Le istituzioni dell’Unione economica e monetaria (UEM) sono coerenti con il “New Consensus” emerso negli anni ’80, limitando il ruolo della politica macroeconomica (in particolare fiscale) a stabilizzazioni a breve termine mediante regole. Il questo articolo l’autore sostiene che l’inerzia politica indotta dal New Consensus potrebbe avere un ruolo nella deludente performance delle economie dell’UEM anche prima della crisi. La crisi del Consensus e il dibattito sulla stagnazione secolare hanno dimostrato che gli eccessi di risparmio sugli investimenti possono ostacolare la crescita. Questo ha messo la politica fiscale al centro della scena, e ha dato alla Teoria Generale, a ottant’anni dalla pubblicazione, una seconda giovinezza. L’autore argomenta che le regole fiscali dell’UEM dovrebbe essere modificate per consentire risparmi negativi semi-permanenti del settore pubblico. Infine sostiene che una “Golden Rule” modificata possa servire a questo obiettivo e consentire un coordinamento delle politiche a livello europeo.

Down in the slumps: the role of credit in five decades of recessions

Bridges, Jonathan (Bank of England); Jackson, Christopher (Bank of England) ; McGregor, Daisy (Bank of England)

Indaghiamo il ruolo del credito privato nella severità delle recessioni utilizzando un campione di 130 crisi in 26 economie avanzate a partire dagli anni ’70, valundo se la crescita o il livello di credito è il miglior predittore dell’ampiezza di una recessione. Oltre al PIL, esaminiamo altre metriche di gravità, compresa la disoccupazione e la produttività del lavoro. Troviamo che un periodo di rapida crescita del credito predica una contrazione più profonda e più lunga rispetto a quando la crescita del credito è moderata, sia associata a una crisi bancaria sistemica o meno, e sia se crescita del credito riflette l’indebitamento da parte delle famiglie oppure aziende. La crescita del credito è un predittore statisticamente e economicamente più significativo della severità di una recessione rispetto al livello di indebitamento, anche se ci sono prove che l’effetto di un boom di credito è maggiore quando la leva è alta. Un accumulo di credito precede recessioni peggiori in termini di PIL pro capite, disoccupazione più elevata e perdita di produttività del lavoro.

Annunci
1 Commento

Guido Rossi e la lezione di Keynes

Ieri è morto a 86 anni Guido Rossi, una delle personalità più rilevanti del panorama giuridico ed economico italiano. Alcuni anni fa Rossi pubblicò un saggio a commento di “Possibilità economiche per i nostri nipoti” di John Maynard Keynes (Adelphi 2009, pagg. 52, euro 5,50) la cui sintesi proponiamo di seguito.

Continua a leggere »

7 commenti

Neanche Say credeva alla Legge di Say

jean-baptiste-say

Jean-Baptiste Say

Il Prof. Riccardo Puglisi in un articolo sul suo blog ha (ben) spiegato cos’è il Prodotto Interno Lordo. Ma all’interno dell’articolo si può leggere anche qualcosa di più controverso di una semplice identità contabile:

«E un concetto ancora più prezioso che entra in ballo qui è quello di circuito del reddito: come sintetizzato nella Legge di Say (colposamente o dolosamente presentata in maniera caricaturale dal famoso economista John Maynard Keynes) la domanda di beni nasce dal lato dell’offerta (cioè dal lato delle imprese e degli altri soggetti che producono beni e servizi) in quanto le imprese che vendono con successo beni e servizi danno risorse monetarie a lavoratori e capitalisti come reddito che serve a costoro per comprare beni e servizi finali, in un circolo virtuoso in cui vorremmo sempre essere immersi. E che succede se non tutto il reddito viene speso in consumi? La differenza positiva tra reddito e consumo si chiama risparmio ed è costituito da risorse monetarie che possono essere prestate alle imprese carenti di risorse interne per acquistare beni di investimento: un altro importante canale dentro il circuito del reddito complessivo.»

Il Prof. Puglisi in vena di polemiche compie un errore. Keynes in realtà ha solo sintetizzato, con l’espressione “l’offerta crea la sua domanda”,  le formulazioni della Legge di Say  elaborate da J.S.Mill, David Ricardo e Alfred Marshall, i quali comunque non si distanziarono dalla formulazione originaria di Say del 1803: «Il solo fatto della formazione di un prodotto apre all’istante stesso uno sbocco ad altri prodotti».

Ma cosa pensava di tutto ciò l’autore della “legge”, cioè Jean-Baptiste Say? Diciassette anni dopo il suo Traité d’économie politique, in una lettera ad un altro grande economista classico, Thomas Malthus, Say prende le distanze da Ricardo e appare molto scettico, in base all’esperienza, sull’ipotesi che il circuito del reddito non abbia perdite e che quindi tutti i redditi si trasformino in domanda (enfasi nostre):

«Ricardo insiste sul fatto che, nonostante le tasse e le altre imposte, ci sia sempre tanta produzione quanto è il capitale investito e che tutto il capitale risparmiato venga sempre impiegato, perché l’interesse non venga perduto. Al contrario, molti risparmi non vengono investiti, quando è difficile trovare per loro un impiego e molti di quelli che vengono impiegati vengono dissipati in impieghi mal concepiti. Inoltre, Ricardo è totalmente confutato non solo da quello che è successo nel 1813, quando gli errori del governo hanno rovinato tutto il commercio e quando l’interesse del denaro è sceso a livelli molto bassi, per mancanza di buone opportunità di impiegarlo, ma lo è anche dalle nostre attuali circostanze, nelle quali i capitali stanno tranquillamente dormendo nelle casse dei loro proprietari

Il che, guarda caso, è esattamente quanto diceva Keynes!

Insomma, neppure Say all’atto pratico credeva alla legge di Say. Niente di cui stupirsi: del resto Ricardo non credeva all’equivalenza ricardiana. 

 

15 commenti

Renzi sbaglia, tagliare le tasse in deficit è controproducente

 

Matteo-Renzi-il-nuovo-e-gia-vecchio_h_partb

Matteo Renzi sul Sole 24 Ore di ieri ha proposto che l’Italia chieda dall’UE la possibilità di fare il 2,9% di deficit annuale per 5 anni, di fatto sospendendo il Fiscal Compact e tornando ai vecchi parametri di Maastricht. Fin qui nulla quaestio. Ma secondo il segretario del PD “questo spazio fiscale va utilizzato tutto, e soltanto per la riduzione delle tasse“.

Si tratta di un errore madornale. Tutte le recenti ricerche sui moltiplicatori fiscali hanno mostrato che i “moltiplicatori delle tasse” hanno valori modesti, molto al di sotto di 1, con il risultato che una grande riduzione delle tasse (Renzi parla di 30 miliardi) si tramuterebbe in un aumento del PIL di 5-15 miliardi, a seconda del tipo di intervento. Ne consegue che il rapporto Debito/Pil aumenterebbe, al contrario di ciò che prevede Renzi, e una parte sempre maggiore di quel 2,9% di deficit andrebbe destinato al servizio del debito, tanto più con i tassi di interesse in risalita. Del resto abbiamo già visto che gli “80 euro” e altre forme di agevolazioni fiscali hanno prodotto esiti alquanto modesti.

L’unica strategia sensata è quella di usare lo spazio fiscale aggiuntivo per aumentare la spesa pubblica in investimenti, ad esempio attraverso un piano di messa in sicurezza degli edifici pubblici, poiché la spesa in investimenti ha un moltiplicatore maggiore di 1 e inoltre permette l’aumento della dotazione di capitale del’economia.
Solo in questo modo si può coniugare la crescita con la riduzione del debito: “Bada alla disoccupazione e il bilancio baderà a se stesso” diceva Keynes.

p.s. Secondo i giornali il governo ha idee un po’ diverse dal segretario del Pd e proporrà all’UE la cosiddetta “Golden Rule”, ovvero lo scorporo degli investimenti dal computo del deficit.

26 commenti

Come la BCE si è tagliata le gambe da sola

Salari e inflazione. Da qualche tempo Mario Draghi sottolinea che l’andamento debole dell’inflazione è causato dalla scarsa crescita dei salari. Ad aprile il presidente della BCE sostenne che:  “Un’importante fonte della debolezza dell’inflazione di base è stata la debole pressione inflazionistica interna, dovuta in parte alla crescita modesta dei salari ben al di sotto delle medie storiche”.

Su questa bassa crescita salariale – secondo Draghi – pesano tre componenti: 1) “un tasso di disoccupazione ancora alto” ; 2) “nei paesi dove l’indicizzazione formale dei salari è scesa fortemente durante la crisi, il trasferimento dell’inflazione ai salari potrebbe essersi indebolito”. 3) “la negoziazione salariale in molti Paesi è già stata in gran parte conclusa per quest’anno, con la conseguenza che qualsiasi impatto di una maggiore inflazione attraverso la negoziazione salariale probabilmente sarà ritardato”.

Ma cosa ha in effetti determinato la debole crescita salariale ce lo dice la BCE stessa in un recente report sui salari dove possiamo trovare questi due grafici:

 

Il grafico precedente indica la percentuale di imprese che riportano una maggiore facilità di licenziamento. Il grafico successivo invece rappresenta la percentuale di imprese che affermano di trovare più facile “aggiustare i salari”, vale a dire ridurli:

Come si può notare i due grafici sono praticamente identici. In sostanza poter licenziare facilmente qualcuno diventa un’ottima arma di ricatto per “aggiustare” i salari. Complice la disoccupazione, il lavoratore sarà costretto ad accettare riduzioni di paga, aumento dell’orario di lavoro, mansioni non previste, ecc.

Tutto ciò ovviamente contribuisce a tenere bassa l’inflazione, con il risultato che la BCE non riesce ancora a raggiungere l’obiettivo “al di sotto ma vicino al 2%”. Il problema però è che la facilità di licenziamento è il risultato di quelle riforme strutturali che la stessa BCE ha richiesto ai paesi europei per diventare più “competitivi” ed in particolare ai paesi della periferia dell’eurozona si sono imposte riforme per “aggiustare” la bilancia dei pagamenti. Anche se, in verità, la bilancia dei pagamenti non ha molto a che vedere con la crisi dell’eurozona.

Insomma, la BCE da un lato chiede più flessibilità, dall’altra vuole l’inflazione. Una contraddizione che avevamo già evidenziato in passato.

Si ringrazia per la segnalazione Daniele Della Bona

 

5 commenti

Gli ottanta anni della Teoria generale di Keynes: perché è ancora un libro attuale

di Maria Cristina Marcuzzo da Moneta e Credito, vol. 70 n. 277 (marzo 2017), 7-19

Dopo la crisi del 2007-2008 il nome di Keynes è rientrato nella lista degli economisti di cui si raccomanda la lettura e di cui si ritorna a dire che sarebbe opportuno seguire le idee. Dopo un bando durato circa venticinque anni, trascorsi tra elogi del mercato e test econometrici diretti a dimostrare l’inefficacia o peggio l’irrilevanza delle politiche economiche, Keynes è riapparso sulla scena mediatica, se non proprio in quella accademica dominante, che continua per lo più ad essere la macroeconomia della restaurazione anti-keynesiana iniziata tra gli anni settanta e ottanta.

Continua a leggere »

7 commenti

La politica economica al tempo della crisi: da Keynes alla controrivoluzione monetarista e (non) ritorno

di Amedeo Di Maio e Ugo Marani

Il lavoro che segue costituisce uno stralcio dell’Introduzione al volume Politiche economiche e crisi internazionale. Uno sguardo sull’Europa, curato da Amedeo Di Maio e Ugo Marani con contributi di Paul De Grauwe, Amedeo Di Maio, Pasquale Foresti, Guglielmo Forges Davanzati, Nicolò Giangrande, Ernesto Longobardi, Antonio Lopes, Ugo Marani e Antonio Pedone, per i tipi di L’Asino d’Oro edizioni, di prossima pubblicazione.

Continua a leggere »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: