Giorgio Lunghini: “La prospettiva Keynes”

giorgio-lunghini-1081x1200

Ieri ci ha lasciati Giorgio Lunghini, uno degli economisti più attivi e profondi del panorama italiano. A lungo docente a Pavia, Milano e in Bocconi, Lunghini apparteneva a quel filone eterodosso italiano classico-keynesiano che coniugava una pluralità di approcci di differenti epoche, autori e scuole. Fino al 2010 ha tenuto all’Università Bocconi il corso progredito Economia Politica – I modelli economici (dal 2007 “Teorie Economiche Alternative”) avviato nel 1975. Come scrive oggi Fumagalli sul Manifesto “Il corso di Giorgio Lunghini in Bocconi era l’unico in cui si poteva apprendere che non esisteva un unico pensiero ma che la scienza economica era ed è, invece, innervata da una pluralità di impostazioni teoriche e metodologiche.”.

Lo ricordiamo pubblicando questo articolo comparso nel 2000 sul Manifesto, in fondo al quale potete trovare altre risorse interessanti.

Continua a leggere »

Annunci
2 commenti

A lezione da Keynes, ripensando la macroeconomia. Recensione de “La scienza inutile” di F. Saraceno

41966.jpg

Francesco Saraceno
La scienza inutile: Tutto quello che non abbiamo voluto imparare dall’economia
Luiss University Press (2018)
https://www.luissuniversitypress.it/pubblicazioni/la-scienza-inutile

Recensione di Daniela Palma

Tra le conseguenze della crisi che ormai da un decennio sta attraversando l’economia mondiale, non si contano solo fallimenti finanziari e una diffusa stagnazione delle attività produttive. Lo stupore con cui la regina Elisabetta nel novembre del 2008 chiedeva ad autorevoli professori della London School of Economics come mai nessuno fosse stato in grado di prevedere un evento di proporzioni così rilevanti, ci ha avvisati infatti della crisi che stava per investire la scienza economica corrente e segnatamente la macroeconomia. Bene fa perciò Francesco Saraceno con il saggio “La scienza inutile” a lanciare la sua provocazione, per poi subito precisare che si può imparare dall’economia (e molto) purché la si legga con le lenti giuste.

Continua a leggere »

Il mito della sovranità monetaria. Perché la MMT non è applicabile nella maggior parte del mondo

27072827_1782813095072618_671695505755002497_n.jpg

La nota analista finanziaria e commentatrice economica Frances Coppola in questo articolo spiega che la sovranità monetaria non è una variabile binaria (o ce l’hai o non ce l’hai) ma uno spettro di possibilità che va dall’ampia sovranità di chi emette il dollaro (gli USA), passa per gli altri paesi che emettono valute di riserva e finisce con quelli che stampano valute con poca reputazione e scarso mercato. E questo a causa del vincolo esterno della bilancia dei pagamenti.
In tale contesto la zona euro ha un’ampia sovranità monetaria nel suo insieme, mentre molti dei singoli paesi non potrebbero godere di ampi spazi di manovra.

Continua a leggere »

7 commenti

Perché la #ManovraDelPopolo non è Keynesiana

no_keynes_button-rd0a7fe25742a48b6b86b06f9414e4676_k94rf_540.jpg

di Laura Penacchi, economista

Sembra che il problema sia il deficit al 2,4% – come pensano, da fronti opposti, i cultori del debito ad oltranza e le vestali, presenti anche nel Pd, della stabilità dei conti pubblici – e non, invece, la composizione della manovra.

Continua a leggere »

1 Commento

Appello: No alla secessione dei ricchi

Pubblichiamo l’appello promosso dal Prof. Gianfranco Viesti contro le proposte di autonomia del Veneto e della Lombardia. Per firmare la petizione visitare il sito https://www.change.org/p/gianfranco-viesti-no-alla-secessione-dei-ricchi

di Gianfranco Viesti

Il Veneto, la Lombardia e sulla loro scia altre undici Regioni si sono attivate per ottenere maggiori poteri e risorse. Su maggiori poteri alle Regioni si possono avere le opinioni più diverse. Ma nei giorni scorsi è stata formalizzata dal Veneto (e in misura più sfumata dalla Lombardia) una richiesta che non è estremo definire eversiva, secessionista.

Continua a leggere »

1 Commento

Cosa sappiamo del moltiplicatore keynesiano

keynes sparagno

Riportiamo due ottimi articoli recenti di Francesco Saraceno sul dibattito relativo ai moltiplicatori fiscali. Il primo, tratto da LuissOpen, analizza la letteratura recente relativa all’entità dei moltiplicatori fiscali. Il secondo, tratta dal sito della Rivista “Il Mulino” è una critica ad un recente articolo di Cottarelli e Galli pubblicato dal Corriere della Sera.
Continua a leggere »

4 commenti

Blanchard: “Le élites hanno confidato troppo nel capitalismo”

show-photo

Intervista di Marie Charbel e Philippe Escande a Olivier Blanchard
da Le Monde del 10 luglio 2018.
Traduzione di Faber Fabbris

« Di fronte all’ascesa del populismo, i governi devono occuparsi urgentemente delle disuguaglianze », avverte l’ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale Olivier Blanchard. Presente ai Rencontres Économiques di Aix-en-Provence, il 6 luglio scorso, Blanchard esprime timori anche sulla fragilità della moneta unica.

Continua a leggere »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: