2 commenti

Blanchard e la contaminazione del mainstream

Blanchard

di Emiliano Brancaccio e Francesco Saraceno *

[…] E’ interessante esaminare un’intervista che Olivier Blanchard ha rilasciato nell’agosto 2015, a poche settimane dalla scadenza del suo mandato di capo-economista del Fondo Monetario Internazionale. In essa, parafrasando la nota esortazione maoista alla competizione tra scuole di pensiero, Blanchard ha dichiarato che «a seguito della crisi cento fiori intellettuali sono sbocciati». In particolare egli si è soffermato soprattutto su “fiori maledetti” di antiche origini, come «l’ipotesi della instabilità finanziaria di Hyman Minsky e i modelli Kaldoriani sulla crescita e le disuguaglianze, proposizioni che un tempo sarebbero state trattate alla stregua di anatemi e che oggi vengono riproposte da economisti ‘seri’» (IMF Survey 2015).  Continua a leggere »

5 commenti

Il costosissimo flop delle decontribuzioni

cercare-lavoro

Marta Fana e Michele Raitano si propongono di stimare quanto inciderà sul bilancio pubblico la decontribuzione sul costo del lavoro prevista dalla Legge di Stabilità per il 2015. A questo scopo, essi formulano diverse ipotesi su variabili rilevanti fini del calcolo, come la durata media dei nuovi contratti e la distribuzione delle retribuzioni. La conclusione alla quale giungono è che il costo lordo per il bilancio pubblico nel triennio di sgravio oscillerà, a seconda delle ipotesi, tra i 22 e i 14 miliardi, con un’incidenza sull’occupazione molto modesta che porta il costo per occupato ad una cifra che varia da 25 a 50mila euro.

Continua a leggere »

3 commenti

La disuguaglianza fa male all’economia e alla democrazia

La disuguaglianza fa male alla crescita, alla democrazia e prima o poi porterà le masse a ribellarsi a quell’1% che detiene tutto il potere economico. Nick Hanauer è un venture capitalist, innamorato delle meraviglie che il capitalismo può produrre ma preoccupato per le crescenti disuguaglianze che stanno minando la base del capitalismo stesso: la classe media. Se si va avanti così, prevede Hanauer, non passerà molto tempo prima che la classe media impoverita prenda i forconi e assalti la diligenza. Prima che accada, i plutocrati (si definisce così) devono abbandonare la teoria dello “sgocciolamento” secondo la quale se i ricchi diventano più ricchi il resto della popolazione se ne avvantaggerà. Aumentare i salari è la prima, fondamentale, riforma del capitalismo oggi necessaria.

Continua a leggere »

19 commenti

Immigrazione e neoliberismo

11474267-kVlE-U1040891658695GOB-640x360@LaStampa.it

Perché i paesi occidentali adottano politiche restrittive sull’immigrazione ma poi non le applicano? La risposta la fornisce Milton Friedman.

Continua a leggere »

5 commenti

In libreria “La battaglia contro l’Europa” di T.Fazi e G.Iodice

la battaglia contro l'europa

Esce oggi in libreria “La battaglia contro l’Europa” di Thomas Fazi (eunews.it/oneuro) e Guido Iodice (coautore di Keynes blog). Il libro è anche acquistabile, scontato, on line nei principali store, tra cui: Amazon (anche in formato e-book Kindle), IBS, Feltrinelli (anche come e-book EPUB)

A otto anni dallo scoppio della crisi finanziaria, l’Europa è stremata dall’austerità, dalla stagnazione economica, da disuguaglianze sempre più gravi e dal crescente divario tra paesi del centro e della periferia. La stessa parola “crisi”, che rimanda a un fenomeno di rottura e di breve periodo, è ormai inadeguata a descrivere quello che appare come un cambiamento strutturale – ma forse sarebbe meglio dire una ristrutturazione deliberata – dell’economia e della società.

La democrazia viene esautorata a livello nazionale e non viene sviluppata a livello europeo. Il potere è sempre più concentrato nelle mani di istituzioni tecnocratiche che non rispondono delle loro decisioni e in quelle dei paesi più forti dell’Unione. Allo stesso tempo, cresce in tutto il continente un’ondata di populismo, con l’affermarsi in alcuni paesi di pericolosi movimenti nazionalisti. Eppure non vi è ancora un consenso sulle ragioni che ci hanno condotto fino a questo punto, e su come uscirne. Il perdurare della crisi economica e la vergognosa gestione della vicenda greca hanno sì trasformato la crisi in un argomento di dibattito diffuso, ma hanno anche determinato un progressivo imbarbarimento del dibattito pubblico, sempre più dominato da logiche nazionalistiche («prima gli italiani») e semplificazioni illusorie e solo apparentemente radicali («fuori dall’euro»).

Nel frattempo molti dei miti fondativi alla base del “regime di austerità” – dobbiamo stringere la cinghia perché stiamo finendo i soldi; abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità; il problema è l’eccessivo debito pubblico ecc. – si sono persino rafforzati.

La battaglia contro l’Europa mostra come le élite europee abbiano sfruttato la crisi per imporre scellerate politiche neoliberali e smantellare lo stato sociale – e come questo processo può essere invertito. Secondo gli autori, la via d’uscita dalla crisi non passa né per una maggiore integrazione («più Europa»), né per l’uscita dall’euro, quanto piuttosto per l’apertura di un conflitto tra periferia e centro che parta dalla disubbidienza ai memorandum della troika e arrivi a delineare un’esplicita alternativa (o almeno un significativo emendamento) all’attuale assetto istituzionale dell’unione monetaria.

4 commenti

Quando la crescita è un’illusione statistica

Cassidy-Varoufakis-1200I leader europei si congratulano per il ritorno della crescita in diversi paesi della periferia. Ma in molti casi si tratta di un’illusione statistica dovuta al fatto che i prezzi calano più velocemente dei redditi.

di Yanis Varoufakis

Continua a leggere »

3 commenti

I titoli di stato indicizzati alla crescita per i paesi dell’eurozona

Olivier Blanchard, Paolo Mauro, Julien Acalin, 16 febbraio 2016
tratto da VoxEU.org, traduzione Faber Fabbris

L’ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale Olivier Blanchard e due suoi colleghi del Peterson Institute in questo articolo pubblicato da VoxEU spiegano i vantaggi per i paesi industrializzati,  in particolare quelli dell’Eurozona,  di una forma di debito pubblico ben nota ai paesi in via di sviluppo: i titoli di stato indicizzati alla crescita. Questa proposta, lo ricordiamo, fu avanzata da Yanis Varoufakis nel corso delle trattative tra il governo greco e i suoi creditori. Si tratta di un articolo di sintesi dedicato agli addetti ai lavori, ma il senso dovrebbe essere chiaro anche al pubblico generale.

Continua a leggere »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.681 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: