Lascia un commento

Joan Robinson, la ribelle razionale

quote-the-purpose-of-studying-economics-is-not-to-acquire-a-set-of-ready-made-answers-to-economic-joan-robinson-60-41-70

di Maria Cristina Marcuzzo da Inet

Joan Robinson era destinata ad essere una ribelle.

Il padre era Sir Fredrick Maurice, che terminò la sua carriera militare accusando pubblicamente il Primo Ministro britannico Lloyd George di mentire sulla forza dell’esercito sul fronte occidentale della prima guerra mondiale. Il bisnonno era Fedrerick Denison Maurice, il cristiano socialista che era stato espulso da King’s College di Londra per aver avanzato dubbi sulla plausibilità della dannazione eterna. La sua educazione, che una volta descrisse come “vecchia tradizione liberale, che crede nel progresso e nella razionalità del comportamento umano” (citato in Osiatynski 1983, p.13) le insegnò ad essere una ribelle in virtù di una causa e lei rimase così per tutta la vita, divenendo un’icona di vari tipi di eterodossia.

In giovane età fu disillusa dall’economia dominante, perché si stava trasformando in una disciplina che non poteva aiutare a risolvere i problemi reali: “Quando ero studente […] sembrava esserci un corpus accettato e fondato di “ principi economici” da apprendere. Ma penso che la mia sia stata l’ultima generazione per la quale questo potesse valere. Molto presto tutto quel costrutto apparentemente solido cominciò a traballare e a cambiare” (Robinson 1957, in CEP II, p. 88). Tuttavia non rinunciò mai a credere che l’economia potesse nuovamente riguadagnare uno status scientifico una volta chiarito dove l’ideologia si insinuava nelle argomentazioni logiche. La convinzione che sia possibile mantenere separati il livello dell’analisi scientifica e quello ideologico era al centro del modo in cui Robinson si poneva di fronte all’economia così come alla politica. Quando non fu d’accordo con le loro argomentazioni, contestò duramente sia gli economisti neoclassici che quelli marxisti, i “keynesiani bastardi” (come chiamava quelli che tentavano di adottare Keynes nella visione neoclassica), e i seguaci del suo collega di Cambridge Piero Sraffa (Marcuzzo 2018).

A suo avviso, il problema principale con la teoria economica contemporanea era che rendeva le questioni fondamentali sempre più oscure piuttosto che chiare. Il suo ultimo articolo, che è stato pubblicato postumo, aveva un titolo eloquente “Pulizie di primavera”: “Mi sembra che l’intero complesso di teorie e modelli nei libri di testo abbia bisogno di un’accurata pulizia di primavera. Dovremmo scartare tutte le proposizioni contraddittorie, quantità non misurabili e concetti indefinibili e ricostruire una base logica per l’analisi con ciò che, semmai, rimane. ”(Robinson 1985, p. 160).
Ciò che restava da fare, sosteneva, era stabilire alcune basi su cui costruire un’economia post-keynesiana. Ciò si sarebbe potuto fare andando a rintracciare “le confusioni e i sofismi delle attuali dottrine neoclassiche nella loro stessa origine che nella formulazione della teoria dell’equilibrio statico non considera il tempo storico, e allo stesso tempo nel trovare un’alternativa più utile nella tradizione classica, ripresa da Sraffa, che va da Ricardo a Marx, affievolita da Marshall e arricchita dall’analisi della domanda effettiva di Keynes e Kalecki ”(Robinson 1973: XII).

Ma quali sono gli ingredienti principali della sua proposta di integrazione tra tradizione classica e keynesiana?

Il primo è “negativo”, ovvero la consapevolezza critica della debolezza della nozione neoclassica dell’equilibrio derivante dall’incontro delle curve di domanda e di offerta. Sebbene mirasse maggiormente a sfidare la nozione di equilibrio in quanto tale – “non può essere utilizzata per discutere gli effetti del cambiamento. Può essere unicamente impiegata in confronti tra differenze ipotizzate (Robinson 1978 in CME, p. xix) – che a rigettare la costruzione della domanda e offerta basate sul calcolo marginale (come fatto da Sraffa), ammise tuttavia che “bisogna servirsi di Sraffa per costruire un genere di analisi di lungo periodo che impedirà all’equilibrio neoclassico di rifluire nella Teoria Generale” (Robinson 1978 in FCM p. 82). Pur concedendo che Sraffa fosse completamente riuscito a fornire una base per la critica della teoria neoclassica, rimase fermamente convinta che “Produzione di merci a mezzo di merci” offrisse “una base molto ristretta per un’analisi costruttiva” (Bhaduri e Robinson 1980 in FCM, p. 64).

E allora, dove si trovano le basi adatte? La pietra fondativa è stata tratta da Marx, il cui schema di riproduzione allargata fornisce “un approccio molto semplice e assolutamente indispensabile al problema del risparmio e degli investimenti e all’equilibrio tra produzione di beni capitali e domanda di beni di consumo. Fu riscoperto e costituì la base per il trattamento del problema di Keynes da parte di Kalecki e reinventato da Harrod e Domar come base per la teoria dello sviluppo a lungo termine” (Robinson 1955 in CME, p. 66].
In effetti, l’altro elemento costruttivo è venuto dalla “versione di Kalecki della teoria generale, piuttosto che da quella di Keynes” (Robinson 1975 in FCM, p. 122). Per questo ha fornito due ragioni: a) Il background di Kalecki come marxista consente un migliore integrazione delle importanti intuizioni di Marx (come gli schemi di riproduzione, l’esercito di riserva del lavoro); b) Il duplice approccio di Kalecki alla determinazione dei prezzi – domanda e offerta e concorrenza per le materie prime primarie, mark-up e concorrenza monopolistica per i beni industriali – è più rispondente alla realtà del mondo contemporaneo. Ciò che mancava (il ruolo del denaro, dell’incertezza e del moltiplicatore) in Kalecki poteva e doveva essere integrato con Keynes.

Robinson potrebbe non aver definito dettagliatamente la parte ricostruttiva del progetto di un’alternativa all’economia neoclassica, ma era decisamente convincente nel denunciare le sue incoerenze e inadeguatezza. Inoltre, la sua analisi è stata particolarmente forte nel sottolineare gli elementi ideologici incorporati in qualsiasi teoria economica, anche in quelli delle cui opinioni era sostenitrice.

Fu tra le prime a denunciare il fatto che l’economia moderna si stava imbarcando su una strada che ci avrebbe portato fuori strada dai problemi del mondo reale, ma era anche una severa critica di coloro che credeva si basassero più sull’ideologia che sulla chiarezza analitica per aprire nuovi percorsi. Rimase una ribelle, ma con una ricerca appassionata di razionalità.

 

Bibliografia

Bhaduri A. and Robinson J. (1980), Accumulation and Exploitation: An Analysis in the Tradition of Marx, Sraffa and Kalecki, in Further Contributions to Modern Economics [FCM], Oxford: Blackwell: 64-77.
Marcuzzo M.C. (2018), Joan Robinson’s challenges on how to construct a Post-Keynesian economic theory, Annals of the Fondazione Luigi Einaudi LIII, pp. 121-35.
Osiatynski, J. (1983), Joan Robinson: 1903-1983, Zycie Gospodarcze, vol. IX.
Robinson J. (1985), The Theory of Normal Prices and Reconstruction of Economic Theory, in G.R. Feiwel (ed), The Theory of Normal Prices and Reconstruction of Economic Theory, London: Macmillan, pp. 157-165.
Robinson J. (1978a), Reminiscences, in Contributions to Modern Economics [CME], Oxford: Blackwell, pp. ix-xx.
Robinson J. (1978b), Keynes and Ricardo, in Further Contributions to Modern Economics [FCM], Oxford: Blackwell, pp. 78-85.
Robinson J. (1975), Survey: 1960s, in Further Contributions to Modern Economics [FCM], Oxford: Blackwell, pp. 112-122.
Robinson J. (1973), Preface to J. A. KregelThe Reconstruction of Political Economy: an Introduction to Post-Keynesian Economics, London: Macmillan, pp. ix-xiii.
Robinson J. (1960), Notes on the Theory of Economic Development, in Collected Economic Papers, vol. II [CEP II] Oxford: Blackwell, pp. 88-106.
Robinson J. (1955), Marx, Marshall and Keynes, in Contributions to Modern Economics [CME], Oxford: Blackwell, pp. 61-75.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: