62 commenti

Chi siamo

“Dobbiamo inventare una nuova saggezza per una nuova epoca.
Nel frattempo, se vogliamo veramente fare qualcosa di buono,
dobbiamo apparire eterodossi, importuni, pericolosi,
ribelli nei confronti di chi ci ha preceduto.”
John Maynard Keynes

Keynes blog offre una rassegna di idee sulla “grande recessione” iniziata nel 2008 e la cui conclusione pare non essere ancora alle porte.

E’ proprio vero che i “sacrifici” ci tireranno fuori dalla crisi? Le liberalizzazioni sono una soluzione per aumentare la crescita? Lo spread calerà se ci dimostreremo “responsabili” e applicheremo le ricette di austerità? Oppure, al contrario, i sacrifici deprimeranno la domanda peggiorando le cose? E se è così, quali politiche economiche alternative è possibile e necessario adottare per la ripresa?

A queste ed altre domande Keynes blog tenterà di rispondere segnalando articoli, saggi, interventi di economisti, pensatori e politici.

Pur accogliendo i contributi di diverse scuole del pensiero economico eterodosse e critiche del neoliberismo, il blog si richiama esplicitamente a John Maynard Keynes, l’economista britannico che, per usare le parole del premio Nobel Paul Krugman, con il suo lavoro ci diede la soluzione della Grande Depressione degli Anni ’30 del Novecento e che ispirò le politiche economiche del mondo occidentale per oltre 30 anni dopo la fine della Seconda Guerra mondiale.

L’abbandono di quel fecondo filone di pensiero, a partire dagli anni ’70, in favore di un laissez-faire spesso senza alcun contrappeso, ha sguarnito la politica e la teoria economica degli strumenti per comprendere e gestire i cicli economici e ha prodotto ineguaglianze sempre più gravi che, secondo molti, sono tra le cause della recessione di questi anni.

Keynes blog è ideato e curato da Guido Iodice e Daniela Palma.

Guido Iodice ha ideato Aprileonline.info, quotidiano on-line del “Correntone DS” e  Rossodisera.info, quotidiano on-line dell’area di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea, noto anche come “la Velina rossissima”. Di entrambi è stato editorialista e corsivista. Si è occupato di politiche per l’innovazione tecnologica nell’Associazione NetWork-DS, per la quale ha prodotto il piano nazionale per la banda larga “Italiacavo”, che ha fatto parte del programma elettorale dei Democratici di Sinistra nel 2001. Come collaboratore parlamentare di Pietro Folena si è speso in particolare in iniziative legislative a favore del software libero/open source e per una revisione liberale del copyright. Ha fatto parte degli organismi dirigenti nazionali dei Democratici di Sinistra.

Daniela Palma, laureata con lode in Scienze Statistiche ed Economiche su temi dell’Economia Internazionale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. E’ stata Visiting Research Fellow presso il National Center for Geographic Information and Analysis del National Science Foundation degli Stati Uniti nella sede della University of California at Santa Barbara, lavorando su una dissertazione dal titolo “Trasformazioni topologiche dei dati nell’analisi di serie socio – economiche territoriali” con la quale ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Analisi Economica Matematica e Statistica dei Fenomeni Sociali (Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, 1995). Primo ricercatore presso l’Enea nelle aree dell’economia dell’innovazione e dello sviluppo e dell’analisi della sostenibilità ambientale ed economica, è autrice di diversi articoli pubblicati in riviste e libri sia a livello nazionale che internazionale. Coordina dal 1999 le attività dell’Osservatorio Enea sull’Italia nella Competizione Tecnologica Internazionale.

Disclaimer: Gli articoli esprimono le opinioni degli autori e non impegnano in nessun modo le Amministrazioni di appartenenza.

Navigazione commenti

Commenti più recenti →

62 commenti su “Chi siamo

  1. …il dito e la luna…ma è solo colpa della moto!

  2. Ma che mirabili peana!!! Leggete piuttosto Von Hayek, anzichè le dottrine stataliste che ci hanno portato dove siamo!!

  3. bè? allora? nessuno risponde a Silvia?!?!?

  4. silvia, ma tu l’hai mai letto von Hayek? o hai letto qualche riassunto?

  5. il monetarismo-liberismo è arrivato alla frutta; sono quasi dieci anni che boccheggia; nel giro del prossimo anno dovrebbe finalmente esalare l’ultimo respiro

  6. MA LA RUSSIA NON ERA IN FALLIMENTO?! :^D AH AH AH AH AH AH
    http://scenarieconomici.it/putin-bacchetta-il-sole-24-ore-e-keynesblog/
    Dasvidania tovarish

  7. Un grazie di cuore per la redazione di questo sito, indipendentemente dalla corrente politica dei suoi sostenitori, penso che in questa povera Italia il ben vengano le buone idee per una crescita e il profondo rinnovamento.
    Io ho fatto degli studi economici e tra i tanti pilastri di battaglia in ambito della nuova economia politica c’è sicuramente Keynes, le sue idee sono un buon punto di partenza per superare questa inutile crisi. Ma penso nel profondo della mia umile preparazione, che c’è bisogno di una forte rivitalizzazione di questo pensiero, all’interno di uno scenario quello Italiano molto complesso, sia in termini di dispute tra euro (che ha imposto elevate tassazioni e un alto costo della vita) e la Cina che ci ha rubato migliaia di posti di lavoro in nome dei bassi prezzi e basso costo del lavoro, la politica ne è complice prima di tutto, privando molti italia di un minimo di protezione sociale, vedi sussidi di disoccupazione, cosa che sostengono tutti i veri paesi civili.

Navigazione commenti

Commenti più recenti →

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: