6 commenti

L’insostenibile leggerezza del Jobs Act

di Andrea Fumagalli da Economiepolitica.it

La riforma del lavoro di Giuliano Poletti n. 78 (comunemente chiamato Jobs Act) potrebbe violare il diritto comunitario[1]. Lo hanno segnalato in molti a partire da Giugno: i parlamentari del M5S, l’Associazione giuristi democratici, il sindacato Usb. In agosto anche la CGIL ha deciso di farsi sentire presso la Commissione Ue. La Cgil, così come chi l’ha preceduta, insiste su un punto in particolare: la legge 78, eliminando l’obbligo di indicare una causale nei contratti a termine, “sposta la prevalenza della forma di lavoro dal contratto a tempo indeterminato al contratto a tempo determinato, in netto contrasto con la disciplina europea che, al contrario, sottolinea l’importanza della … stabilità dell’occupazione come elemento portante della tutela dei lavoratori”[2].

 

Quali sono le strategie che il governo di Renzi intende perseguire per la definitiva normalizzazione  del mercato del lavoro italiano? Analizziamo dunque le ragioni economiche che stanno alla base del Jobs Act, partendo da tre ordini di considerazioni.

Primo: nel periodo pre-crisi, 2002-2008, gli occupati complessivi sono aumentati di 1,164 milioni di unità. Contemporaneamente, gli inoccupati sono calati di 366.000 (vedi Tabella 1). Tali dati possono essere interpretati, come è stato fatto, alla luce degli effetti di flessibilizzazione del mercato del lavoro indotti dagli interventi legislativi promulgati nel 1997 (pacchetto Treu), 2001 (riforma del contratto a tempo determinato), 2003 (Legge Maroni).

Fumagalli-1-e1409747897446

 

Tali provvedimenti hanno effettivamente creato lavoro? Analizziamo il periodo in maggior dettaglio. Occorre notare che le Unità di lavoro equivalenti (Ula) sono aumentate di 797.000, in misura inferiore (di circa un terzo, 32%) rispetto al numero degli occupati. Le Ula sono soprattutto concentrate nei settori del terziario avanzato. Infatti dalla Tabella 2 si può osservare come nel solo comparto “Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari e imprenditoriali” si concentra quasi il 50% dell’aumento. Nel settore dell’industria, il numero delle Ula addirittura si riduce, nonostante un aumento  di 67.000 occupati.

Fumagalli-2

 

Occorre inoltre ricordare che nel periodo 2002-2008, con due sanatorie, sono state regolarizzati poco meno di 250.000 migranti irregolari, che da invisibili sono diventati del tutto visibili, anche per le statistiche ufficiali. Di conseguenza, la reale crescita occupazionale risulta assai più contenuta. Infine, analizzando la dinamica del valore aggiunto a prezzi correnti nell’intero periodo, si può osservare che l’industria in senso stretto è cresciuta del 12%, mentre nel comparto del terziario avanzato la crescita è stata di oltre il 30%.

Ne consegue che la dinamica dell’occupazione risulta più strettamente correlata alla dinamica del valore aggiunto, cioè l’occupazione cresce di più laddove la crescita del valore aggiunto è maggiore, e risulta di fatto indipendente dall’incremento del processo di flessibilizzazione del lavoro. Anzi, analizzando la disparità tra dinamica occupazionale e Ula, la crescente precarizzazione del lavoro ha favorito un processo di sostituzione tra lavoro standard e lavoro non standard.

Secondo: nel periodo più recente, 2009-13, in piena fase recessiva, la spinta alla crescita dell’occupazione non solo si è del tutto bloccata, ma, in linea con la dinamica del Pil, è visibilmente calata, sino alla perdita di quasi 1,5 milioni di posti di lavoro. Tale declino ha favorito, pur in presenza di dati negativi, un ulteriore processo di sostituzione tra lavoro precario e lavoro stabile. Analizzando, infatti, i dati Isfol, gli avviamenti al lavoro con contratto a tempo indeterminato sono passati dal 21,6% di inizio 2009 al 15,8% (IV trim. 2013). Tra le tipologie precarie, quella più diffusa è il Contratto a Tempo Determinato (CTD), che il Jobs Act ha ulteriormente liberalizzato. Da inizio 2009 a fine 2013, la quota degli avviamenti CDT sul totale è passata dal 63,2% al 68,5% sul territorio nazionale. Se scomponiamo tale crescita a seconda della durata del CDT, i dati Isfol mostrano come i contratti della durata massima di un mese sono ben il 43,5% del totale con una tendenza crescente. Se questa è la situazione, che bisogno c’è di liberalizzare ulteriormente il CDT?

Terzo: si afferma che il Jobs Act abbia come fine la riduzione di un tasso di disoccupazione giovanile senza precedenti (“drammatico” secondo Renzi), superiore al 46%. I dati Eurostat, pubblicati nell’Empoyment Outlook Ocse 2013, mostrano che in Italia nella fascia 15-24 anni la quota dei giovani occupati precari sul totale è pari al 52,9%, un valore di poco superiore alla media dell’area Euro a 17 (51,3% ) e di poco inferiore al corrispondente dato per la Francia e la Germania. Se però osserviamo non tanto lo stock al 2012 ma i flussi dal 2009 al 2012, si può notare come l’Italia abbia manifestato il tasso di crescita più elevato, pari al 3,1% annuo, contro  il -1,8% della Germania, il + 0,25% della Francia e + 0,8% della Spagna. Ciò significa che il processo di precarizzazione dei giovani occupati è stata quasi tre volte superiore a quella europea. Nonostante ciò, il tasso di disoccupazione giovanile non solo non ha arrestato la sua crescita, ma la ha accelerata!

In conclusione: non esiste una correlazione positiva tra flessibilizzazione del mercato del lavoro e crescita occupazionale, soprattutto giovanile[3]. Nelle fasi recessive, è ravvisabile un rapporto di correlazione inversa: quando l’occupazione cala, l’effetto è quello di aumentare la già esistente flessibilità del lavoro, favorendo contratti ancor più precari e peggiorando le condizioni di vita e di reddito della forza lavoro. Il Jobs Act liberalizza un contratto, quello CTD, che è già di gran lunga il più usato e abusato. In altre parole, la precarizzazione del lavoro svolge una funzione anti-ciclica nella fasi di espansione, seppur limitata, del ciclo economico e pro-ciclica nelle fasi di recessione.

Intervenire solo sul lato dell’offerta di lavoro – via aumento della precarietà – non è né condizione necessaria, né men che meno sufficiente, a favorire l’occupazione. Quest’ultima dipende infatti più dalla domanda di lavoro. Anche se il lavoro costasse zero (sul modello del protocollo di Expo-Comune-Sindacati, siglato a Milano il 23 luglio 2013, che prevede l’assunzione di 18.500 lavoratori volontari gratuiti e 700 tra CDT e apprendisti in deroga all’allora normativa: questa è la parte che viene recepita dal Jobs Act), le imprese non assumerebbero comunque, perché la domanda di lavoro non dipende dalle condizioni dell’offerta (anche se precarie e a basso e intermittente reddito) ma dalle prospettive di vendita e di crescita della domanda. Si può offrire lavoro gratis (pardon, come si dice, oggi: volontario) alle imprese, ma se queste non aumentano la produzione, non accettano neanche il lavoro gratuito. 

[1] Le note che seguono sono un riassunto di un documento a cura dell’autore che è stato presentato alla Commissione Lavoro della Camera dei Deputati nell’aprile scorso. Sullo stesso argomento l’autore è già intervenuto mettendo in risalto altri aspetti del discorso.

[2] Cfr. Jobs Act, anche la Cgil vede incongruenze con norme Ue e fa ricorso, il Fatto Quotidiano, 5 agosto 2014.

[3]Si tratta di un risultato in linea con lo studio condotto da Realfonzo e Tortorella Esposito, Gli insuccessi nella liberalizzazione del lavoro a termine, in questa rivista. 

Fonte: http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-sindacato/le-insostenibili-leggerezze-del-job-act/

Advertisements

6 commenti su “L’insostenibile leggerezza del Jobs Act

  1. E allora restano solo 2 ipotesi che esposte volgarmente suonano così: o ci sono o ci fanno.
    L’ipotesi che si tratti di una massa d’incompetenti caricati a molla con le logiche dei romantici tempi andati della guerra fredda, un misto nostalgia e idiozia, e che ora scaricano come orsetti impazziti che battono loro i piattini, non può essere esclusa a priori, e certamente vale per molti di cui è pure inutile fare i nomi datosi si fanno riconoscere intenzionalmente, tuttavia potrebbe non valere per tutti. Insieme con i reduci dell’era Craxi, infatti, vi sono altri reduci di ere ancora più preistoriche i quali, oramai intoccabili, noi diremmo: spudoratamente, hanno già spiegato l’intero piano e non si sono fatti mancare di certo le parole:
    “Nei momenti di crisi più acuta …. progressi più sensibili, rientro dall’emergenza della crisi …. affievolimento della volontà di cooperare… Non dobbiamo sorprenderci che anche l’Europa abbia bisogno di crisi, e di gravi crisi, per fare passi avanti… Quando una crisi sparisce, rimane un sedimento, perché si sono messe in opera istituzioni, leggi ecc. per cui non è pienamente reversibile.”.
    Ecco, quello che infastidisce in discorsi del genere non è tanto il senso delle cose contenute, siamo abituati a pensieri paternalisti reazionari di cui è piena la storia, quanto che chi li propugna classifica se stesso come liberale, e questo è straordinario.

    Così, dunque, una spiegazione di questa insistenza scellerata sulla flessibilizzazione del lavoro è che essa non serva e non debba servire affatto a risolvere qualsiasi sia situazione attuale, ma che sia posta come pietra angolare per quando i tempi torneranno ad essere più propizi, la qual cosa, evidentemente, viene data per certa e acquisita per bontà della natura.

  2. #CADUTOSULLAVORO
    C’era da scommetterci e lo avevo detto già da molti mesi, alla fine della festa, al di là delle solite smentite, dei giochi di parole e degli inglesismi alla moda (jobs act), la ‘fissa’ è e rimane sempre l’art. 18.
    Se Renzi dovesse continuare per la strada annunciata dell’abolizione dell’articolo (e dello statuto dei lavoratori), cadrà in un autunno che si preannuncia già caldissimo: CADUTO SUL LAVORO, scriveranno sulla sua lapide.
    L’unico intervento del legislatore veramente utile -e anche auspicabile in questo momento- sarebbe quello diretto ad un’effettiva semplificazione del quadro normativo, non alla proliferazione di nuove norme da aggiungere alla babele già esistente, spesso addirittura illegittime, quale la riforma Poletti del contratto a tempo determinato (che non potrà sfuggire al vaglio dell’UE e dei tribunali, come avevo avvertito tra i primi).
    Semplificare la materia del lavoro significa innanzitutto eliminare le oltre quaranta forme di contratto di lavoro inventate dalla bizantinesca fantasia dei teorici nostrani e ritornare al sistema ‘naturale’, duale -autonomo o subordinato- del rapporto di lavoro, eliminando gli ibridi del c.d. lavoro parasubordinato, mere finzioni giuridiche, escamotages elusivi e truffaldini partoriti da quella fantasia ma in realtà inesistenti ‘in natura’, anzi contro natura. Non ci sono vie di mezzo, non esiste ‘in natura’ un tertium genus di lavoro che non sia né autonomo né subordinato, il lavoro o è l’uno o è l’altro (sul piano giuridico, la pretesa legittimazione della para-subordinazione non può desumersi da una non pertinente norma meramente processuale, l’abusato art. 409, 3° c., cpc, forzosamente piegato ad una interpretazione che non regge ad un’analisi critica obbiettiva), il lavoro o è l’uno o è l’altro. E si sa che, quando si cerca di coartare o, peggio, violentare la natura, questa si ribella. Infatti, tutti i problemi (e le vertenze) che nascono i sede di interpretazione e applicazione delle norme in materia di lavoro c.d. parasubordinato, come tutte le difficoltà per definire le medesime (si veda da ultimo la riforma Fornero, vero monumento … alla chiarezza e alla ragione!) nascono proprio di qui, perché si è finito per creare una selva mostruosa ed inestricabile, in cui è difficile penetrare anche per un avvocato, figuriamoci per un imprenditore, il quale finisce per abbandonare –come dargli torto?- qualsiasi, pur volenteroso e ottimistico, progetto di nuove assunzioni.

    • Oltre a lavoro autonomo e a lavoro dipendente a tempo indeterminato (che non vuol dire infinito, vuol dire non determinato a priori) si può anche aggiungere il lavoro interinale, ma con costi orari *più alti* del normale lavoro subordinato, così come se noleggio una macchina e la uso tutti i giorni per 10 anni mi costa di più che a comprarla. La flessibilità è un vantaggio e come tale va pagato. Invece in Italia sotto l’etichetta di “flessibilità” si è fatta passare e si continua a far passare una compressione del costo del lavoro, oltre che alla flessibilità. Come su suol dire “cornuti e mazziati”.

      • Il c.d. lavoro interinale (abrogato e sostituito colla somministrazione di lavoro dalla legge Biagi) non è un tertium genus ‘oltre al lavoro autonomo e al lavoro dipendente’, ma è una delle forme con cui potrebbe esplicarsi il lavoro dipendente (che può essere a tempo determinato o indeterminato, a tempo pieno o parziale, di apprendistato, ecc.), così come il lavoro autonomo può assumere anch’esso forme diverse (impresa o professione, abituale o occasionale, ecc.).

  3. Mi correggo, a notte fonda non avevo notato la migliore perla della citazione.
    Il noto rettor-presidnte della nota Università privata, cioè privata poi…, come al solito privata sul lato profitti e pubblica sul lato spese, una nuova partita doppia che li si studia e si conosce parecchio bene e da tempo, ebbene il fine studioso di cotanto senno, dopo aver precisato in che senso egli si senta un liberale, dice: “Quando una crisi sparisce, rimane un sedimento….”, e rivela così al mondo il segreto gioiello, la segreta convinzione, la certezza implicita e sconfinata che unisce Chicago e Milano e pervade la mente degli studiosi delle succitate mecche dell’economia: le crisi spariscono.
    E ovviamente spariscono da sole. Dunque, mi sbagliavo a credere che essi credessero alla bontà della natura che fa tornare il sole tutte le mattine, no, la cosa è più radicale: le crisi “vengono” e poi “spariscono”; e tu non devi far nulla, al massimo approfittare dell’attimo tanto propizio quanto fuggente, prima che quelle evaporino da sole al sole. E perché no, volendo se ne può pure dedurre per estensione che, se una coppia va in crisi, è il momento per il marito di darsi alla pazza gioia notturna, perché quando la crisi “Sparirà” rimarrà un sedimento; le mutandine collezionate per ricordo ad esempio, e si può star certi che le mogli sapranno essere indulgenti verso queste debolezze dei tempi di crisi. Non è tutto meraviglioso?
    S’ottura un lavandino; chiami l’idraulico perché te lo sturi, e lui raccoglie questo “Incarico” (e non voglio dire con questo che in Bocconi sono tutti idraulici, esistono molte tubature intasate in giro); e quello dice: “Meno male che mi ha chiamato, così adesso installo il nuovo contatore per il comune; e tu allora chiedi: “Si, ma… e il lavandino otturato?”; e quello: “Tanto l’otturazione prima o poi Sparisce, e intanto io ho cambiato il contatore per il comune.”
    In questo momento l’idraulico sembra essere cambiato, almeno apparentemente, e tuttavia flessibilità e articolo 18 altro non sono che un ulteriore nuovo contatore per “quelli del comune” che così potranno misurare meglio tutta l’ “acqua” dell’anno prossimo, ovvero dell’anno di quando la crisi “Sparirà”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: