18 commenti

La contraddizione del banchiere centrale

bankitalia

E’ molto interessante il resoconto del Sole 24 Ore sull’intervento di Salvatore Rossi, direttore generale di Bankitalia. Rossi ha evidenziato il fatto che l’euro è una moneta senza stato e che quindi è complicato tenere insieme la politica monetaria con quella fiscale.

Continua a leggere »

17 commenti

Perché l’euro non è ancora crollato?

euro-morto1

L’euro è un morto che cammina, ma gli zombie sono piuttosto resistenti

Continua a leggere »

12 commenti

La deriva del Sud fa affondare l’Italia

sud_italia

di Daniela Palma e Guido Iodice – Left dell’8 Novembre 2014

Non trovano riscontri precedenti le dimensioni della crisi economica e sociale che irrompe nel Mezzogiorno d’Italia nel 2013, e sembrano esserci ormai tutte le premesse perché si avvii un processo di non ritorno. Sono queste le valutazioni essenziali che emergono dall’elaborazione dell’ultimo Rapporto Svimez, da pochi giorni presentato, che denuncia come la persistenza delle dinamiche recessive e la prosecuzione delle politiche di austerità abbiano dato un affondo particolarmente drammatico alle difficoltà in cui già versava il Sud dell’Italia, determinando una nuova e più importante fase di divergenza dal Centro – Nord.

Continua a leggere »

9 commenti

L’imbroglio della disoccupazione di equilibrio

Schermata-da-2014-10-18-114951

Fonte: Centro Europa Ricerche

Nel progetto di bilancio inviato alla Commissione Europea il ministro Padoan ha contestato i calcoli dell’Unione europea sul PIL potenziale e la disoccupazione di equilibrio. Vediamo di cosa si tratta. 

Continua a leggere »

9 commenti

Il piu’ grande taglio delle tasse della storia dell’uomo sarà recessivo

pigadi Gustavo Piga(*)

Qualche chiarimento sulla c.d. manovra.

Non è una manovra che aumenta il deficit di 11 miliardi. Il deficit si riduce, non aumenta. Non è questione da poco, anche perché dicendo che aumenta sembra che abbiamo ottenuto una grande vittoria sull’Europa. Una piccola vittoria l’abbiamo ottenuta nel senso che il deficit sì diminuisce, ma di meno di quanto inizialmente previsto. Mi direte: ma allora come fa il Premier a dire che aumenta il deficit di 11 miliardi. Oh, è un vecchio trucchetto della politica. Ma andiamo per ordine.  Continua a leggere »

8 commenti

Lezioni greche per l’Italia

 

grecia-ue

Scriveva La Stampa solo pochi giorni fa:

Grecia, la cura funziona: dopo sei anni di recessione il Pil riprende a crescere
Atene pronta ad uscire dal programma di salvataggio Ue-Fmi

Dopo sei anni di recessione e quattro di durissimi aggiustamenti dei bilanci, la Grecia ha presentato ieri una finanziaria che conferma una stima di crescita dello 0,6% per quest’anno e addirittura del 2,9 % per il 2015. Soprattutto, in virtù delle correzioni dei conti degli ultimi anni, il ministro delle Finanze Gikos Hardouvelis è certo di raggiungere quasi il pareggio di bilancio l’anno prossimo (un disavanzo dello 0,2%) – il primo da oltre quattro decenni. E il vero indicatore dello stato di salute delle finanze pubbliche, l’avanzo primario (la differenza tra entrate e uscite al netto degli interessi sul debito), schizzerà nel 2014 al 2 e l’anno prossimo addirittura al 2,9%.

Cifre che per il governo Samaras significano che l’uscita dal programma di salvataggio Ue-Fmi potrebbe essere anticipato di oltre un anno, alla fine del 2014 invece che all’inizio del 2016.

Continua a leggere »

31 commenti

Appello per una “Bretton Woods” europea

YSDxWLDQkOQcxNw-556x313-noPad

Un gruppo di oltre 50 economisti italiani, tra i più prestigiosi, ha sottoscritto questo appello per una riforma dell’Unione monetaria europea al fine di evitarne la possibile esplosione. Sebbene vi sia dedicato uno dei punti, forse il documento risulta deficitario su un argomento che da sempre in questo blog abbiamo indicato come centrale, ovvero i meccanismi di correzione delle asimmetrie all’interno dell’eurozona. Tuttavia non è importante essere “esattamente nella ragione” quanto evitare di essere “precisamente nel torto”. E l’appello sicuramente si muove nella direzione giusta. Lo si può sottoscrivere tramite il link in fondo al testo.    Continua a leggere »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.354 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: