6 commenti

La lotta di classe nel 2012

Paul Krugman

Si tratta di una verità scomoda ma reale che non siamo tutti sulla stessa barca; l’America della guerra di classe a tutto campo ha perso alla grande le elezioni, ma ora cerca di usare la pretesa di essere preoccupata per il deficit per strappare la vittoria dalle fauci della sconfitta.

di Paul Krugman, New York Times, 29 novembre 2012

Il giorno delle elezioni, ha riferito il Boston Globe, l’aeroporto internazionale Logan di Boston era a corto di spazi di parcheggio. Non per le auto – per jet privati. Un’alluvione di grandi donatori era in città per partecipare alla festa della vittoria di Mitt Romney.

Come si è scoperto poi questi plutocrati delusi erano disinformati sulla realtà politica, ma non si sbagliavano su chi fosse dalla loro parte, perché la scelta elettorale riguardava soprattutto gli interessi dei ricchi contro quelli della classe media e dei poveri.

E in sostanza la campagna di Obama ha vinto perché ha scelto di ignorare gli avvertimenti dei “centristi” schizzinosi e di sottolineare invece la realtà e l’importanza dell’aspetto di lotta di classe del confronto elettorale. Questo ha fatto sì che non solo il presidente Obama vincesse con margini enormi tra gli elettori a basso reddito, ma che tali elettori si presentassero in gran numero, suggellando così la sua vittoria.

La cosa importante da capire ora è che le elezioni sono passate, ma la guerra di classe non è passata. Le stesse persone che hanno scommesso grosso, e perso, su Romney stanno ora cercando di riguadagnare di nascosto – in nome della responsabilità fiscale – il terreno che non sono riusciti a guadagnare in un’elezione aperta.

Prima di arrivare a questo aspetto, una parola sul voto vero e proprio. Ovviamente il mero interesse economico non spiega del tutto come gli individui, o anche ampi gruppi demografici, esprimano la loro preferenza. Gli americani di origine asiatica formano un gruppo relativamente benestante, ma hanno votato tre a uno per il presidente Obama. I bianchi del Mississippi non sono invece particolarmente benestanti, ma fra di loro solo uno su dieci ha votato Obama.

Queste anomalie, tuttavia, non sono bastate a modificare il quadro generale. Nel frattempo, i democratici sembrano aver neutralizzato il tradizionale vantaggio repubblicano sui temi sociali, così che le elezioni sono state davvero un referendum sulla politica economica. E gli elettori hanno detto chiaramente no ai tagli alle tasse per i ricchi, no al taglio dei benefici per la classe media e dei poveri. Così che cosa deve fare chi vuole la guerra di classe a tutto campo?

Come ho già suggerito la risposta è di affidarsi al furto con destrezza – cioè contrabbandare politiche favorevoli ai plutocrati per risposte sensate al deficit di bilancio.

Si consideri, come primo esempio, l’esigenza di innalzare l’età pensionabile, l’età di ammissibilità per Medicare (il sistema federale di assistenza medica per gli anziani, N. d. T.), o entrambe. Questo è solo ragionevole, ci è stato detto – dopo tutto, l’aspettativa di vita è aumentata, quindi non dovremmo tutti andare in pensione più tardi? In realtà, tuttavia, sarebbe un cambiamento di politica estremamente regressivo, che significherebbe imporre oneri severi agli americani a basso e medio reddito, colpendo a mala pena i ricchi. Perché? Anzitutto perché l’aumento della speranza di vita si concentra tra i ricchi: perché mai i portinai dovrebbero andare in pensione più tardi visto che gli avvocati vivono più a lungo? In secondo luogo, sia la Social Security (il sistema federale di assistenza, N. d. T.) che Medicare sono molto più importanti, in rapporto al reddito, per gli americani meno abbienti, così che ritardare la loro accessibilità sarebbe un colpo di gran lunga più grave per le famiglie comuni che per l’uno per cento di quelle più ricche.

Oppure si consideri, per prendere un esempio meno evidente, l’insistenza sul fatto che eventuali aumenti delle entrate debbano provenire dal ridurre le deduzioni piuttosto che dall’introduzione di aliquote fiscali più elevate. La cosa fondamentale da capire è che la matematica di questa proposta non funziona: non c’è, infatti, nessun limite alle deduzioni che possa far aumentare le entrate provenienti dalle classi agiate tanto quanto si può ottenere semplicemente lasciando scadere i tagli fiscali dell’era Bush. Quindi qualsiasi proposta di evitare un aumento delle tasse è, qualunque cosa dicano i suoi sostenitori, una proposta per spostare, in un modo o nell’altro, il carico fiscale dall’uno per cento dei più ricchi alla classe media o ai più poveri.

Il fatto è che la lotta di classe c’è ancora, e questa volta con una dose aggiuntiva di inganni. E questo, a sua volta, significa che bisogna guardare con molta attenzione a tutte le proposte provenienti dai soliti noti, anche – e soprattutto – se la proposta viene presentata come una soluzione bipartisan, di buon senso. In particolare bisogna ricordarsi, ogni volta che qualcuno (soprattutto fra le cassandre che gridano che il problema è il debito pubblico accumulato dallo stato) parla di “sacrifici condivisi” , di chiedere: sacrifici rispetto a che cosa?

Come i lettori abituali sapranno, io non sono tra i fan della relazione Bowles-Simpson sulla riduzione del disavanzo. Il piano definito in questa relazione è mal progettato anche se per qualche motivo ha raggiunto uno status quasi sacro stato presso l’elite politica di Washington. Eppure per Bowles-Simpson si può dire almeno questo: per parlare di sacrifici condivisi è partito da una “base” che aveva già incorporato la fine dei tagli fiscali alle persone abbienti di Bush. A questo punto, però, quasi tutte le cassandre sembrano volerci far considerare la scadenza di questi tagli – che sono stati introdotti con pretesti falsi, e non avremmo mai potuto permetterceli – come una sorta di grande concessione da parte dei ricchi. Non lo è.

Quindi tenete gli occhi aperti perché lo spennamento del pollo fiscale continua. Si tratta di una verità scomoda ma reale che non siamo tutti sulla stessa barca; l’America della guerra di classe a tutto campo ha perso alla grande le elezioni, ma ora cerca di usare la pretesa di essere preoccupata per il deficit per strappare la vittoria dalle fauci della sconfitta. Non permettiamogli di farlo.

(traduzione da ildialogo.org / Gianni Mula)

About these ads

6 commenti su “La lotta di classe nel 2012

  1. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Scrivo qui perché è l’ultimo post, un po’ OT: blog interessante a una prima occhiata, non fosse che per il suo essere diciamo démodé.
    Peccato non poterlo seguire via blogger ma solo social network o twitter, due luoghi dove proprio non vado. Vorrà dire che passerò ogni tanto.
    Sulla questione pensioni in Italia, però, vorrei aggiungere che l’attuale riforma è particolarmente classista anche per un altro motivo finora poco sottolineato: poiché i non ricchi trovano lavoro con contributi decenti, cioè lavoro dipendente, verso i 35 anni se va bene e poiché comunque i contributi parasubordinati non sono cumulabili con gli altri, 41-43 anni di contributi significano arrivare oltre gli ottant’anni. Quale datore di lavoro ti terrà a barcollare in ufficio o peggio fino a quell’età? Ammesso ovviamente che il nuovo non-contratto aziendale che si prepara ce ne lasci la possibilità, di una pensione. E che dopo le elezioni a mani libere, non le distruggano per legge. Qualcuno non diceva recentemente che la speranza di vita è ormai troppo alta, in Europa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.354 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: