7 commenti

E’ finito il tempo delle crescite miracolose

Dani Rodrik

Nessuno può fare più affidamento su prospettive di “crescita miracolosa”. E’ questo il messaggio che ci consegna Dani Rodrik su Project Syndicate, sollevando ulteriori dubbi sui tempi entro i quali le economie occidentali potranno dirsi fuori dalla crisi. Perciò se nei mesi passati molte speranze sono state riposte nella crescita accelerata registrata dalle economie emergenti, sarà meglio che al più presto ci si renda conto che anche questa parte dell’economia mondiale sta registrando una frenata e che, pur nelle migliori previsioni, la ripresa del cammino della crescita non eguaglierà i risultati conseguiti negli ultimi anni.

Ma quel che è più interessante del discorso di Rodrik, sono le argomentazioni che danno conto della non accidentalità del presente contesto dello sviluppo mondiale, fugando ogni tentazione di ricorrere ad interpretazioni esoteriche della crisi e con questo anche la tentazione di pensare che “arriveranno tempi migliori”. A questo proposito Rodrik ci ricorda infatti che lo sviluppo delle economie emergenti (per lo più concentrate nell’area asiatica) è dovuto allo straordinario processo di industrializzazione che in esse si è affermato, così come d’altra parte già accaduto in precedenza in altre economie occidentali. Per un paese relativamente arretrato il manifatturiero offre infatti eccezionali possibilità di avanzamento, in quanto è relativamente semplice acquisire tecnologie già sviluppate altrove. Ulteriori progressi sul fronte di una economia più complessa, nella quale siano integrate vaste aree di servizi avanzati, richiedono invece sforzi ben maggiori, poiché è necessario lo sviluppo di competenze più complesse che possono essere accresciute solo gradualmente.

Al dunque, una crescita durevole di lungo periodo, secondo Rodrik, può dirsi costituita di due componenti fondamentali: una base industriale che agisce da volano, e un importante settore dei servizi nel quale si esprime tutta la potenzialità di ciò che è sapere accumulato e innovazione di un dato sistema economico. Lo scenario deve essere però ulteriormente qualificato, poiché l’intero sviluppo mondiale degli ultimi decenni ha conosciuto molti progressi in campo tecnologico, mentre lo stesso significativo allargamento dell’insieme dei competitori ha creato non pochi squilibri nella capacità dei paesi occidentali di sostenere la propria domanda. La maggiore complessità della tecnologia significa maggiore difficoltà di acquisizione della stessa, che si traduce a sua volta in un rallentamento dell’impulso che lo sviluppo industriale può portare alla crescita di un paese. E si capisce come l’intreccio di questo aspetto dello sviluppo con l’aumento del numero dei competitori, renda le cose particolarmente difficili.

Ma se la “teoria” ci dice che la crescita economica ha un motore sempre più sofisticato, il confronto con la realtà attuale è persino più sconfortante. Nei fatti le economie emergenti hanno raggiunto significativi livelli di industrializzazione su base avanzata e occupano ormai importanti fette dell’economia mondiale, mentre le economie occidentali sono alle prese con i loro problemi di stagnazione e di debito sovrano. Le tentazioni “protezionistiche” sono pertanto in aumento e il quadro mondiale sta entrando in una nuova fase di tensione. E a maggior ragione le economie emergenti dovranno, per sostenere la propria crescita, investire costantemente nel miglioramento delle loro competenze tecnologiche e nel governo delle loro istituzioni. Tutto questo per ottenere, alla meglio, un po’ di crescita. Tutto questo per tornare, infine, al punto dal quale eravamo partiti.

La crescita miracolosa delle economie emergenti è quindi alle spalle. E se alla crescita si vuole puntare non c’è altra strada (per qualunque paese) che quella dell’investimento in apparati economici sempre più innovativi.

Un punto che però Rodrik non approfondisce è la tendenza delle economie emergenti a puntare sulla domanda interna. L’aumento dei salari in Cina e i grandi investimenti pubblici annunciati dal Brasile e dalla stessa Pechino sembrano essere parte della strategia sulla quale i “Brics” punteranno nei prossimi anni, pur tra mille contraddizioni, non ultima la repressione violenta delle rivendicazioni sindacali, come nel recente caso del Sud Africa.

About these ads

7 commenti su “E’ finito il tempo delle crescite miracolose

  1. [...] Continua a leggere » Like this:Mi piaceBe the first to like this. [...]

  2. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Credo che, estendendo lo sguardo, si possa dire che il tempo in cui era possibile immaginare una crescita indefinita si stia esaurendo. E con essa anche le teorizzazioni economiche nel loro complesso nate in un occidente che poteva disporre di risorse pressoché illimitate. E’ troppo complicato fare qui un’analisi rigorosa dei concetti chiave sui quali si sono imperniate le dottrine economiche classiche, neoclassiche, in taluni casi di scuola marxista e quelle neoliberiste. Ma è del tutto evidente che postulati come quelli del’agire razionale, idee come quella che facendo il proprio interesse si fa l’interesse generale, le varie formulazioni della legge di Say, l’idea stessa del’autoregolazione del mercato, hanno un senso solo se si postula una quantità indefinita di risorse, “scarse” solo in senso sincronico e in relazione al valore lavoro. In termini fisici, l’economia occidentale ha postulato un sistema che per funzionare ha bisogno di ricevere energia dall’esterno.
    Finché dunque ragioneremo in termini di crescita nel modo in cui lo si continua a fare andremo incontro a furibonde lotte per le risorse esistenti e a un nuovo oscurantismo in cui la crescita sarà di nuovo appannaggio di pochi. Mi scuso per lo spirito vagamente millenaristico di questo intervento, ma sono convinto che occorra tornare alle idee fondamentali per districare la complessa matassa in cui siamo avvolti.

  4. La crescita economica e la ricchezza negli ultimi decenni è stata generata per lo più da “scommesse” sui mercati dei derivati. Di riflesso i guadagni facili ottenuti sono stati reinvestiti sul mercato e la produzione industriale è andata a colmare tali richieste.

    La continua ricerca di prezzi di produzione sempre più bassi, ha portato a lasciare a casa frotte di persone per dare intere produzioni ai paesi asiatici (Thailandia, Cina, …). Ora la loro produzione supporta il fabbisogno nostro e loro, gli abbiamo dato i mezzi per tecnici per farsi le cose in casa. Il potenziale loro è ancora immenso, ma per “regalare” questo vantaggio competitivo a loro, abbiamo tartassato il ceto medio europeo.

    La gente che si lascia a casa, spesso e volentieri ha una famiglia da mantenere, quindi di riflesso i consumi vanno in calando. Non abbiamo visto subito il pericolo e il trend perché c’è stata una rincorsa al credito per continuare a sostenere i propri capricci. Ora che banche e finanziarie non sono più cosi “elastiche” diventa più difficile finanziarsi le vacanze o cavolate del genere. Questo influisce sui consumi. Chiaro non solo questo.

    Diciamo che il nostro è il fallimento di un sistema, quello capitalistico (così come quello comunista è fallito). Perchè in entrambi i casi si poneva l’accento sul fatto che gli attori fossero tutti uguali, purtroppo sia in uno che nell’altro le differenze si creano. Il libero mercato funziona se tutti hanno le stesse risorse e praticamente gli stessi guadagni, quindi a forze pari… ma chiaramente c’è chi vende di più e chi di meno. Questo crea differenze tra gli attori portando di fatto a un oligopolio e dunque, al frantumarsi della libera concorrenza pura.

    Opinione chiaramente :)

  5. [...] è vero che non è più il tempo delle crescite miracolose, come sottolineava Dani Rodrik qualche giorno fa, sarà bene allora concentrarsi sulla precaria situazione dell’Europa e, in [...]

  6. [...] è vero che non è più il tempo delle crescite miracolose, come sottolineava Dani Rodrik qualche giorno fa, sarà bene allora concentrarsi sulla precaria situazione dell’Europa e, in [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.241 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: