11 commenti

Francesco Giavazzi e l’instabilità del capitalismo

Mentre lo spread tocca quota 530, è bene non distrarsi rispetto alle medicine sbagliate in preparazione presso la farmacia del governo Monti, poiché queste non faranno altro che aggravare la malattia. Tra queste medicine controproducenti, la riforma degli incentivi alle imprese nell’ambito della spending review.

Il prof. Giavazzi è stato incaricato dal governo di rivedere gli incentivi alle imprese nell’ambito della spending review. Dopo alcuni mesi di alacre studio, il docente della Bocconi ha partorito la seguente, originale, ipotesi: ridurre le tasse sulle imprese per 10 miliardi di euro e contemporaneamente tagliare i sussidi per la stessa cifra.

Anche il più ottuso studente delle scuole elementari, seppur spaventato dall’imponenza delle cifre, capirebbe che 10 miliardi meno 10 miliardi fa zero, e che quindi non vi sarebbe nessun risparmio per lo Stato. Alle scuole medie già incomincerebbe a chiedersi perché lo Stato intenda risparmiare su scuola, sanità, pensioni, ma non sui trasferimenti alle imprese. Ma, si sa, ci sono figli e figliastri.

Comunque sia, noi che da keynesiani non siamo contro le imprese – tutto il contrario – pensiamo che lo Stato debba aiutarle, tanto più in un momento di crisi come questo, affinché creino occupazione e reddito, contribuendo alla crescita dell’economia nazionale.

Il problema è come. In un periodo di crisi, come quello attuale, qualsiasi spesa contribuisce ad alleviare le sofferenze della depressione. Persino pagare qualcuno per scavare inutili buche nel terreno. Se credete che questa sia una misura assurda, da vecchi ultrakeynesiani, e che un vero liberale non potrebbe mai accettarla, allora guardate i dati di traffico tra Italia e Francia e chiedetevi se il tunnel della TAV in Valsusa, di cui tanto si discute, non sia appunto una inutile buca nel terreno, mentre con la stessa cifra si potrebbe fare qualcosa di ben più utile e con un impatto occupazionale decisamente maggiore. Tanto più che le nostre risorse sono fortemente limitate, non avendo la possibilità di monetizzare i deficit pubblici.

In un periodo di crescita, invece, lo Stato dovrebbe orientare la sua spesa nel modo più efficace possibile. Da oltre un decennio, però, il nostro paese ha esplicitamente rinunciato a incentivare selettivamente la produzione. Sparita la “programmazione economica” prima nei fatti con le leggi Tremonti e Visco, poi addirittura nella nomenclatura del Ministero preposto e degli strumenti di politica economica, lo Stato ha lasciato al mercato – cioè ad una istituzione formata da soggetti scoordinati, e quindi largamente inefficienti nel loro complesso – un potere crescente di determinazione del “come” e “in che cosa” investire. Il risultato è stato che il nostro paese ha accumulato ritardi crescenti nell’innovazione tecnologica, nelle energie alternative, e in una miriade di altre cruciali attività. Ma, per lo meno, lo Stato ha finora cercato di fare in modo che il “quanto” ricevesse uno stimolo da parte dell’autorità pubblica, attraverso incentivi che premiavano appunto l’investimento, piuttosto che il risparmio.

Il prof. Giavazzi vuole andare ben oltre. Trasformare gli incentivi ad investire in tagli alle tasse sui profitti significa eliminare anche questa residua funzione di orientamento del mercato da parte dello Stato, nell’interesse pubblico. Gli effetti sono facili da prevedere. In caso di aspettative negative, le imprese tenderanno a investire ancor meno di quanto facciano oggi. Minori investimenti significheranno minore domanda, minore occupazione e minor reddito. E, alla fine, minor reddito significherà minori entrate per lo Stato.

Non migliori saranno gli effetti in un periodo di crescita. L’imprenditore, non più orientato dallo Stato all’investimento produttivo, troverà ancor più conveniente riversare i profitti nelle attività finanziarie, poiché spesso assicurano rendimenti maggiori con un minore sforzo e, in nome di una precisa concezione del libero mercato, sono il più delle volte tassate in modo irrisorio rispetto al reddito da lavoro e d’impresa. E sappiamo dall’esperienza recente quanto il gigantismo della finanza renda instabile il sistema economico.

E’ pur vero che il prof. Giavazzi sostiene che i residui incentivi saranno più mirati. Ma, come ha già ammesso, ciò significherà in primo luogo tagliare i finanziamenti alle imprese nel Sud. Se da un lato è vero che i finanziamenti pubblici sono stati spesso usati in modo pessimo, o addirittura criminale, è altrettanto vero che riducendoli o eliminandoli la situazione non migliorerà, ma si favorirà il processo di desertificazione industriale e imprenditoriale già in corso. Piuttosto che ridurli o cancellarli, quindi, andrebbero davvero sottoposti ad una “review” qualitativa, dopo la quale potrebbero persino aumentare in termini quantitativi.

Insomma il professor Giavazzi, con una piccola riforma “a costo zero”, vuol cambiare in modo radicale e difficilmente reversibile la nostra politica economica: vuole cioè cancellarla, eliminandone ogni residuo, cassando quei meccanismi che cercano di rendere meno drammatiche le conseguenze degli umori degli “animal spirits” del capitalismo. L’essenza del laissez faire, del liberismo, in fondo, è proprio questa.

Il titolo dell’articolo è un’ironica allusione al titolo dell’edizione italiana di un noto libro di Hyman Minsky, “Keynes e l’instabilità del capitalismo”

p.s. Domenica il Corriere della Sera ha pubblicato un editoriale di Alberto Alesina e Francesco Giavazzi in cui, tra le altre cose, si affermava che:

“Una delle ragioni dell’incremento della disuguaglianza che ha preceduto la crisi è stata la crescita del premio retributivo per chi ha accumulato capitale umano, cioè ha studiato. L’investimento in formazione ha reso di più e favorito chi poteva permetterselo. Non demonizzare la ricchezza quindi, ma offrire a tutti la possibilità di acquisire gli strumenti necessari.”

C’è qualche prova di ciò, ovvero che le disuguaglianze dipendono in misura significativa dal titolo di studio e quindi, almeno in parte, dal merito? Purtroppo per Giavazzi e Alesina, la risposta è no. Come mostrato in questo grafico, il reddito reale dei neolaureati negli Stati Uniti è stato calante negli ultimi 12 anni, ovvero dallo scoppio della bolla della new economy, mentre i costi per laurearsi nelle università più prestigiose sono schizzati in alto.

About these ads

11 commenti su “Francesco Giavazzi e l’instabilità del capitalismo

  1. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Sono perfettamente d’accordo con l’analisi proposta. Purtroppo, la ragione critica sembra servire a ben poco nel contesto tragico in cui siamo, nel quale bisognerebbe agire subito con radicale inversione di prospettiva nella politica economica e finanziaria. Le ossessioni sul debito e l’insistenza sulla riduzione irrazionale della spesa sembrano superare ogni labile coerenza logica, così come le interpretazioni causali dell’attuale crisi, la cui consequenzialità è sempre e solo apparente o la leggerezza con la quale non si riflette minimamente sui costi sociali enormi e, soprattutto, inutili delle attuali politiche. In logica gli argomenti Giavazzi & Alesina sono un profluvio di post hoc travestiti da propter hoc, o mere petizioni di principio in odio al fantasma di Keynes.

  3. ll gigantismo della finanza è soprattutto l’assenza di regolazione che permette ai gentiluomini di Barclays di agire come criminali truccando i dati sul Libor, o alla London Whale di scorazzare impunemente facendo buchi esorbitanti con soldi non suoi. E’ un problema etico e qualitativo, non solo di dimensioni.

  4. [...] Riguardo i sussidi alle imprese, rimandiamo a quanto già detto in un precedente articolo. [...]

  5. [...] Riguardo i sussidi alle imprese, rimandiamo a quanto già detto in un precedente articolo. [...]

  6. “C’è qualche prova di ciò, ovvero che le disuguaglianze dipendono in misura significativa dal titolo di studio e quindi, almeno in parte, dal merito?” Il grafico proposto non risponde in alcun modo a questa domanda, ma mostra solamente che le spese per un college privato sono cresciute piu’ del reddito dei neo-laureati dal 1991 ad oggi.

    Alcune limitazioni di questo grafico che sarebbe stato opportuno almeno menzionare nell’articolo:

    1. Quale salario si mostra? Il salario d’entrata, o una proiezione per il valore attualizato del salario atteso (present discounted value of lifetime earnings)?

    2. Se si vuole usare i costi per le universita’ private, allora si devono usare dati sui salari di coloro che hanno frequentato universita’ private. Altrimenti l’analisi non e’ valida, e come minimio si sottostimano le retribuzioni.

    3. Il grafico non mostra che andare al college non convenga, cioe’ che i costi superino i benefici attesi, solamente che i costi sono cresciuti di piu’ dal 1991 ad oggi. Per condurre un’analisi costi-benefici si devono usare i livelli.

    Tutto questo per dire che il grafico non mostra in alcun modo la mancanza di una correlazione fra disuguaglianza e il premio sul titolo di studio come si argomenta invece nell’articolo.

    Per quanto riguarda il tema degli incentivi alle imprese, togliere i sussidi alle imprese e contemporaneamente diminuirne le tasse per lo stesso ammontare non ha alcun effetto (immediato) sul bilancio dello stato, ma influisce sugli incentivi degli imprenditori. Per semplificare, in assenza di esternalita’ positive, la teoria (micro)economica (neoclassica) predice un aumento del livelli di investimento, occupazione, reddito reale e gettito fiscale (quest’ultimo e’ un effetto di equilibrio generale). In presenza di esternalita’ positive, diminuire gli incentivi (assumendo che siano inizialmente al livello ottimale) ha un effetto avverso per quei settori produttivi con esternalita’ positive. L’effetto finale su produzione, occupazione e gettito fiscale dipende da quale dei due effetti prevale.

    Per complicare ulteriormente l’analisi, si dovrebbero tenere in considerazione di alcuni temi analizzati dalla scuole di public choice. Chi riceve gli incentivi? Ai settori con esternalita positive, o a quelli con piu’ leva politica? Come riconoscere i settori meritevoli di incentivi? Quali sono i livelli ottimali degli incentivi alle imprese? Qual era il livello iniziale dei sussidi in relazione al livello ottimale? Alcune possibili risposte vengono accennate nell’articolo, ma manca un’analisi comprensiva.

    Ci sono molti fattori da tenere in considerazione, e l’analisi diventa particolarmente difficile quando diventa dinamica (cioe’ con piu’ periodi) o in un approccio di equilibrio generale – Ad esempio, quali sono gli effetti della riduzione degli incentivi sui tassi di rendimento dei prodotti finanziare, e come questo influenza l’allocamento delle risorse fra attivita’ reali e finanziarie?. Tutto questo per dire che si sarebbe potuto affrontare questo argomento con un po’ meno superficialita’ e ideologia (per par condicio, lo stesso si potrebbe dire di molti analisti/economisti che si definiscono neo-classici). Io semplicemente ho poche certezze su questi argomenti, ma credo che dovrebbero almeno essere affrontati con un po’ piu’ umilta’ e meno supponenza da entrambe le parti.

  7. [...] Riguardo i sussidi alle imprese, rimandiamo a quanto già detto in un precedente articolo. [...]

  8. [...] Riguardo i sussidi alle imprese, rimandiamo a quanto già detto in un precedente articolo. [...]

  9. [...] Riguardo i sussidi alle imprese, rimandiamo a quanto già detto in un precedente articolo. [...]

  10. [...] Riguardo i sussidi alle imprese, rimandiamo a quanto già detto in un precedente articolo. [...]

  11. [...] Riguardo i sussidi alle imprese, rimandiamo a quanto già detto in un precedente articolo. [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.324 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: