13 commenti

Quanti economisti sono d’accordo con Alesina?

alesina

Le misure fiscali di Obama hanno ridotto la disoccupazione? E in generale i costi hanno superato i benefici? Queste semplici domande sono state rivolte dalla Chicago Booth (proprio quella Chicago Booth) a un panel di economisti che periodicamente risponde a domande sull’attualità economica. I risultati sono a dir poco schiaccianti.

Continua a leggere »

13 commenti

Le svalutazioni che non funzionano

svalutazione

Nel novembre 2013, intervenendo in un convegno del M5S, presentavamo i dati della bilancia dei pagamenti di alcuni paesi che avevano svalutato negli anni recenti. Le conclusioni di allora vengono confermate dal consuntivo del 2013, con un’apparente eccezione che, in realtà, conferma la tesi allora esposta: in un ambiente di scarsa domanda estera, la sensibilità al cambio delle esportazioni si riduce drasticamente e l’effetto delle variazioni del reddito sulle partite correnti e sulla bilancia commerciale diviene prevalente anche nei periodi brevi, rendendo la svalutazione scarsamente efficace – se non addirittura controproducente – al fine di riequilibrare i conti con l’estero.

Continua a leggere »

4 commenti

Non basta ammorbidire l’austerità

industria italiana

di Daniela Palma e Guido Iodice da Left del 19 luglio 2014

E’ un bollettino di guerra quello che ci riferiscono gli ultimi dati ISTAT sulla produzione industriale italiana: -1,2% il dato di maggio rispetto ad aprile e -1,8% quello tendenziale sull’intero anno. Siamo in crisi, si dirà. Ma il periodo precedente aveva lasciato sperare qualcosa di meglio, mentre l’aspettativa che la dinamica economica di crescita dei paesi extraeuropei funzioni da traino sembra sempre dietro l’angolo, ma non si concretizza mai. Né lascia margini di ulteriore speranza l’andamento economico dei principali partner europei, Francia e Germania in primis, anch’esse con un calo di tutto rispetto della produzione industriale nello stesso periodo: -1,3% per la Francia, -1,4% per la Germania.

C’è tuttavia un pericolo ancora più grande che incombe sui destini dell’economia italiana: la convinzione che il nostro paese sia vittima di un destino cinico e baro nella stessa misura di tutti gli altri paesi europei e che dunque il suo arretramento sia semplicemente governato da una recessione di carattere globale, che deve essere corretta nelle sedi europee, trattando innanzitutto sull’ammorbidimento delle politiche di austerità. Il punto, però, è che i dati Istat ci dicono che il cuore dell’industria manifatturiera italiana (al netto della lavorazione della plastica e dei minerali non metalliferi) subisce a livello tendenziale perdite ben superiori al -4%, mentre il “Made in Italy” non è in grado di compensare, registrando una caduta del -1,5%. La recessione europea ha in altri termini ampliato problemi radicati da tempo nel nostro tessuto produttivo, che trovano conferma in una perdita di quote delle esportazioni manifatturiere italiane sul mercato internazionale superiori a quelle registrate dai nostri maggiori partner. Il messaggio che i dati Istat ci consegnano non ha solo dunque il sapore di un (più che giustificato) “cahier de doleance”, ma esorta a guardare al senso più profondo delle politiche economiche utili per un rilancio dell’economia italiana. In questo senso la fine dei dictat delle politiche di austerità europee rappresenta un fondamentale precondizione. Ma deve esser chiaro che di precondizione si tratta e se, accanto ad un rilancio di base della domanda, non saranno affiancati opportuni interventi di riqualificazione del sistema industriale, l’Italia continuerà a perdere terreno, come già avvenuto nei periodi antecedenti la crisi.

12 commenti

La Finlandia ha bisogno di riforme strutturali

ragazza-finlandese-

Una tipica ragazza finlandese che vive al di sopra dei propri mezzi

Mentre l’ex premier finlandese Jyrki Katainen, neocommissario dell’Unione Europea per gli Affari economici e monetari, spiega all’Italia che deve fare le riforme e che si opporrà ad ogni “flessibilità creativa” per eludere il patto di stabilità, noi siamo venuti in possesso di un riservatissimo documento dell’Unione Europea proprio sulla Finlandia. Non si mette bene per il paese governato fino a un mese fa dal sig. Katainen.

Continua a leggere »

15 commenti

Le ragioni dei referendum contro il pareggio di bilancio e l’austerità

RRealfonzo

di Riccardo Realfonzo – Corriere della Sera, 16 luglio 2014

È un momento difficile per i paladini dell’austerità. Negli USA e in Giappone si è reagito alla crisi con aumenti della spesa pubblica assecondati dalla banca centrale, con il risultato che gli americani realizzano oggi un Pil reale superiore di ben otto punti rispetto al 2007 e il gigante nipponico si è destato dal lungo torpore. Dal canto suo, la scienza economica conferma sempre più compatta la necessità di affrontare le crisi con politiche fiscali e monetarie espansive. E molti studiosi che in passato avevano sostenuto la dottrina dell’”austerità espansiva”, secondo cui i tagli di bilancio avrebbero favorito la crescita, sono giunti a ricredersi. Ben noto è il caso del capo economista del FMI, Olivier Blanchard, che nel World Economic Outlook di due anni fa candidamente ammise che i vistosi errori previsionali del FMI scaturivano da una sottostima degli effetti recessivi dell’austerità. Rifacendo i conti, occorreva precisare che i tagli della spesa pubblica riducono il Pil, invece di accrescerlo, e anche in modo più che proporzionale.

Continua a leggere »

12 commenti

Le fallacie dell’economia per i ricchi

signe_cartoon_1_percenters_600

Esistono diverse teorie economiche, ma ancor prima di ciò esistono classi sociali di cui gli economisti – ben lungi dall’essere scienziati apolitici – difendono gli interessi consolidati. E’ questa, purtroppo, l’evidenza che è emersa nel dibattito scatenato dal libro di Thomas Piketty “Capital in the Twenty-First Century”, nel quale si mettono in evidenza le ragioni e i pericoli delle disuguaglianze, le distorsioni conseguenti la crescita delle rendite e l’ingiustizia insita nell’ereditarietà del capitale. L’esempio migliore di questo bias classista lo fornisce Gregory Mankiw, noto economista conservatore ed autore di uno dei manuali di economia più diffusi.

Continua a leggere »

19 commenti

Perché sosteniamo i referendum contro il pareggio di bilancio

logo-for

Pubblichiamo la lettera di sostegno che abbiamo inviato al comitato promotore dei referendum contro il pareggio di bilancio

Al comitato promotore dei referendum sulla legge 243/2012

Carissimi,

i quattro quesiti referendari contro il pareggio di bilancio e il fiscal compact da voi promossi possono essere una delle iniziative politiche più significative del prossimo futuro. Sebbene i problemi che investono l’Europa e in particolare l’eurozona siano più profondi e complessi di quelli immediatamente risolvibili con l’eventuale vittoria referendaria, il significato politico di un tale evento, in Italia e in Europa, sarebbe dirompente e rimetterebbe in discussione i dogmi dell’austerità.

Continua a leggere »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.316 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: