29 commenti

Monte dei Paschi, una privatizzazione disastrosa

012di Vladimiro Giacché da Liberazione.it

Come spesso accade in Italia, dallo scandalo che ha investito il Monte dei Paschi di Siena si stanno traendo le conclusioni sbagliate. Ed è un vero peccato, perché si tratta di una vicenda emblematica, che ci racconta un pezzo importante della storia di questo paese negli ultimi 20 anni. Proviamo quindi a mettere un po’ in fila i fatti.


Nei primi anni Novanta il Mps viene privatizzato, come l’intero sistema bancario italiano, attraverso le Fondazioni bancarie (società miste pubblico-private senza fini di lucro, secondo la Sentenza n. 300/2003 della Consulta), che ne assumono il controllo azionario. A fine decennio, non vi sarà praticamente più alcuna banca pubblica (mentre ancora all’inizio degli anni Novanta il 73% del sistema bancario italiano era in mano pubblica).

Allora si disse che quelle privatizzazioni erano necessarie non soltanto per fare cassa e comprarsi il biglietto per l’Europa e la moneta unica, ma anche per ammodernare il nostro sistema bancario e renderlo più efficiente. Furono così privatizzate tutte le grandi banche commerciali, tutte le banche a medio-lungo termine (che facevano credito per gli investimenti delle imprese), e addirittura banche di sviluppo come il Mediocredito Centrale (mentre nel resto d’Europa gli Stati si guardavano bene dall’alienare le banche di sviluppo: si veda ad esempio il KfW tedesco).

L’influenza dei partiti, sul Mps come su gran parte delle banche privatizzate, non cessò. Quello che cambiò furono i principi guida dell’attività bancaria: prevalse il criterio del profitto di breve termine e della “creazione di valore per gli azionisti”, a sua volta identificata con l’andamento in borsa del titolo. La gestione delle banche cominciò a seguire tutte le “mode” che favorivano la crescita in borsa del titolo relativo. Inclusi la speculazione finanziaria sempre più spinta, l’uso di società veicolo fuori bilancio per aumentare la leva finanziaria (ossia per fare più operazioni con sempre meno capitale proprio) e l’utilizzo di prodotti finanziari derivati.

A metà anni 2000, la moda prevalente nel sistema bancario internazionale fu quella della corsa alla crescita dimensionale attraverso fusioni e acquisizioni. Anche il sistema bancario italiano si concentrò molto. Troppo: nel senso che si creò un oligopolio di poche grandi banche. Tra fine 2006 e fine 2007 si ebbero le ultime tre grandi fusioni bancarie italiane: Unicredit compra Capitalia; Intesa compra il San Paolo di Torino. E il Monte dei Paschi compra, strapagandola, Antonveneta. L’iniziativa è del management e la Fondazione ne apprende praticamente a cose fatte. Il prezzo pagato è di 9,3 miliardi di euro.

La crisi degli anni successivi colpisce il titolo e mette in luce ancora più chiaramente (ma era già chiaro all’atto dell’acquisto) che la Antonveneta era stata pagata troppo cara: oggi l’intero gruppo ha una capitalizzazione di borsa di 2,6 miliardi (ma anche Unicredit, che assieme a Capitalia valeva 100 miliardi, oggi quota sotto i 25). I problemi del Montepaschi emergono con questo acquisto, che svuota le casse dell’istituto senese. A questo punto, per migliorare i bilanci occultando le perdite (ma al prezzo di maggiori perdite successive) vengono effettuate le operazioni sui derivati di cui si è tornato a parlare in questi giorni. (Che in ognuno di questi passaggi vi siano state vere e proprie malversazioni è probabile, ma non è il punto essenziale). Infine, la crisi del debito pubblico italiano si ripercuote sul Monte dei Paschi, che – per avere rendimenti facili e ritenuti esenti da rischio – aveva acquistato 25 miliardi di titoli di Stato italiani, perlopiù a lungo termine. E quindi dall’estate 2011 viene colpito dal crollo del prezzo di quei titoli. A fine 2011 l’Eba (European Banking Authority) chiede a diverse banche italiane – suscitando un vespaio – di effettuare un aumento di capitale: per Mps la stima del capitale necessario si attesta sui 3,4 miliardi di euro, a cui si aggiungono negli ultimi mesi altri 500 milioni (necessari proprio per coprire anche le perdite dovute all’uso dei derivati).

Veniamo all’oggi: una settimana fa il governo Monti ha deciso di prestare 3,9 miliardi al Montepaschi. Questo prestito sarà rimborsato entro 5 anni. In caso negativo, e solo allora, le obbligazioni dell’Mps acquistate dallo Stato (i Monti-bond) si trasformeranno in azioni della società. Questo però significa che lo Stato non ha alcun modo per verificare che i suoi soldi siano spesi bene. E infatti il 27 gennaio Alessandro Profumo (presidente del Mps), in un’intervista al Sole 24 ore, ha affermato che è esclusa ogni ingerenza politica «perché non è previsto alcun diritto di governance» per lo Stato.

La direzione di marcia preferita dallo stesso Profumo nell’intervista citata è chiara: «Mi piacerebbe avere un socio finanziario di lungo termine… La nazionalità non è un problema». L’obiettivo da conseguire? Una banca «con molte meno agenzie ma una base di clientela importante e ben radicata nei territori, in grado di soddisfare le esigenze delle Pmi e delle famiglie». L’esito più probabile di tutto questo è un Mps che taglia drasticamente i suoi sportelli (e quindi il personale), e che presto o tardi sarà acquisito da una banca straniera. In questo modo il territorio perderà una delle sue banche di riferimento, e un altro pezzo del nostro sistema finanziario (dopo la Bnl, acquisita da Bnp Paribas) se ne andrà all’estero, e sarà comprato a prezzo di saldo.

Siamo l’unico paese europeo che non è voluto entrare, neanche nell’emergenza, nel capitale delle banche in difficoltà. Non si è mai andati al di là di prestiti. Questo tabù va rotto.
Con la stessa cifra impegnata nel prestito al Monte dei Paschi, lo Stato potrebbe diventare di gran lunga il primo azionista della Banca. Se lo Stato salva una banca, deve poter entrare nel capitale di quella banca. E non per risanarla e rivenderla al miglior offerente, come oggi anche qualche liberista propone, con scarsa coerenza (ma come, non era lo Stato il problema e il mercato la soluzione?). Bensì con due altre finalità: tutelare il proprio investimento, e nel contempo ripristinare il principio secondo cui il credito è un “bene pubblico” di importanza strategica per il paese. Il principio secondo cui una banca non deve accontentarsi di conseguire la massima profittabilità di breve periodo, ma deve poter crescere nel tempo con il suo territorio.

Questo concetto, che in Italia è dimenticato quando non ridicolizzato, è stato ripreso nei Paesi anglosassoni negli ultimi anni: e persino l’insospettabile Regno Unito ha creato una banca pubblica per il credito alle piccole e medie imprese. In Italia oggi abbiamo non meno bisogno di banche pubbliche. Tanto di breve termine quanto – e soprattutto – di credito a lungo termine.

La vicenda del Montepaschi ci insegna come una banca privatizzata possa perseguire un orientamento al profitto di breve termine che si rivela distruttivo, senza per questo perdere i condizionamenti politici e le logiche clientelari che un tempo si rimproveravano alle banche pubbliche. Il prestito a Mps non risolve questi problemi.
L’ingresso dello Stato nel capitale del Mps (direttamente o tramite la Cassa Depositi e Prestiti), non come socio finanziario interessato a un profitto immediato ma come azionista di riferimento di lungo termine, rappresenterebbe invece il salto di qualità di cui i lavoratori del Mps, i suoi clienti (imprese e risparmiatori) e il nostro sistema produttivo hanno bisogno in questo momento di forte restrizione del credito.

Fonte: http://www.liberazione.it/news-file/Monte-dei-Paschi–una-privatizzazione-disastrosa.htm

29 commenti su “Monte dei Paschi, una privatizzazione disastrosa

  1. scusate ma mi domando una cosa..ma quale e’ il problema se fallisce una banca?
    l’alcoa, l’ilva ecc ecc forse valgono meno di una banca?i dipendenti di una banca forse hanno privilegi diversi da questa gente?..non sono ben informato sulla quantita’ di depositi dei risparmiatori presso mps(se qualcuno puo darmi dati giusti sarei grato) ma se si lascia fallire mps e si risarciscono i correntisti dei loro risparmi forse non e meglio?
    ci sara una banca inefficiente in meno sul mercato e molta piu’ attenzione dei correntisti a depositare i loro risparmi verso istituti piu’ “seri”!
    certo si perderanno posti di lavoro e fallira’ una delle banche storiche d’italia(meglio che regalarla ai francesi) pero perlomeno le altre banche si guarderanno dalle loro azioni, perche’ ho l’impressione che questi aiuti di stato sono un deterrente per le banche commerciali a fare le operazioni nell’articolo citate volte a realizzare profitti veloci (derivti ecc)!!
    grazie

    • Secondo i dati riportati dalla stessa MPS, la raccolta diretta a fine settembre 2012 era di oltre 135 miliardi. (http://www.mps.it/Investor+Relations/Dati+di+Sintesi/2012+3Q.htm?pn=0)

      Forse è meglio nazionalizzarla spendendo 4 miliardi che 135 (in borsa ne vale 2,6 mld.).E’ vero che esiste il fondo interbancario di garanzia sui depositi, ma fino a 100 mila euro, ma in caso di fallimento l’attivazione e il rimborso dei correntisti non sarebbe immediato.
      In questa circostanza, anche due tre mesi di attesa, metterebbe in difficoltà le famiglie e le imprese che intrattengono i rapporti con Mps, avviando una corsa agli sportelli e creando seri problemi di liquidità, che porterebbe di fatto alla chiusura immediata dell’operatività bancaria.
      Da ciò seguirebbe la richiesta a chi ha avuto i prestiti da Mps di rientrate immediatamente di quanto dovuto, mettendo in difficoltà imprese, i loro fornitori e i dipendenti, con un effetto a valanga sul tessuto economico del paese.
      Analogamente, le altre banche che vantano crediti verso MPS dovrebbero mettere in conto perdite sui crediti di entità paragonabile (o superiore) al loro patrimonio, innescando seri problemi di liquidità che indurrebbe i correntisti di quest’altre banche a rititare i loro risparmi, amplificando in tal modo una crisi che bloccherebbe il paese, sia a livello economico e finanziario.
      Il sistema salterebbe.

      Quanto all’Alcoa e all’Ilva, siamo innanzi a società che hanno una proprietà assai poco imprenditoriale. Direi speculativa, dato che l’Alcoa è stata lasciata chiudere non perchè perdeva, ma perchè la multinazionale americana avrebbe guadagnato di più da un’altra parte. Mentre l’Ilva, è una società che fa utili, ma il management non ha ritenuto di fare gli investimenti necessari per assicurare un ciclo produttivo compatbili con la salute degli abitanti di Taranto.
      Innanzi a queste situazioni, non sarei contrario ad una loro nazionalizzazione, se si ritiene che l’attività delle imprese sia utile per il sistema paese. D’altra parte, negli USA lo stato è intervenuto per salvare le imprese automobilistiche nazionali (eppure di concorrenti assai più efficienti della GM e della Chrysler).

      • “(eppure i concorrenti assai più efficienti della GM e della Chrysler non mancavano)”

        Chiedo scusa: non avevo completato la frase finale, anche se poteva essere intuibile..

    • senza andare sul tecnico, ti rispondo semplicemente dicendo che non si lascia fallire una banca non per i dipendenti ma per i clienti…
      l’interesse tutelato è quello di migliaia di piccoli risparmiatori che nel fallimento di una banca rischierebbero di perdere i risparmi di tutta una vita…
      la fai facile dicendo di lasciarla fallire e risarcire i risparmiatori. la verità è che se una banca fallisce, i primi a non vedere i propri risparmi sono proprio i piccoli risparmiatori…

  2. banks can only do what regulators and supervisors allow.
    it’s all a failure of government
    and note that a corporate income tax for all practical purposes is state ownership of that % of profits. It’s the ‘direct pipe’.
    So the govt already has both ownership and control of its banks

    • “and note that a corporate income tax for all practical purposes is state ownership of that % of profits.”

      Well, then Govt owns me at XX% because I pay tax on my income. Really, a non sense.

      • yep, mosler is right. in fact there’s a date when you stop working for the government and start working for yourself. maybe u can tell that you are not exactingly working for the govt, since it works for your own good, and public expenditure is private earnings, and so forth, but this is clearly bullshit, expecially in italy today :)

      • “in fact there’s a date when you stop working for the government and start working for yourself. ”

        As Berlusconi once said. Well, but govt gives you health, school, roads, etc. So, you are working for yourself in any case.

  3. Sulla proposta di una nomina diretta e democratica dei vertici delle fondazioni, che lasci fuori i partiti senza far entrare i privati, ho trovato questo vecchio articolo:
    http://www.economiaepolitica.it/index.php/moneta-banca-finanza/rifondare-le-fondazioni-per-gestire-i-beni-comuni/

  4. beh e quando pure Mosler dice che è un fallimento del governo (immagino intendesse: della gestione politica) io qualche domandina me la farei….

  5. Warren, banks are government

  6. Reblogged this on Mauro Poggi and commented:
    Una condivisibile riflessione di Vladimiro Giacché sulla vicenda Monte Paschi, sul sistema bancario italiano e sulle privatizzazioni

  7. La cosa terribile e’ quanto il disastro fosse stato preannunciato da’
    “lunga pezza”.
    Sul ritorno alla distinzione fra le banche che gestiscono il risparmio ed il credito dalle c.d. Banche d’affari si parla da tempo: in genere le campagne referendarie fanno paur.
    :perche non osare almeno una minaccia verso questi potentati finanziari? Temo che avremo sempre torto se continueremo a porci in un atteggiamento reverenziale “col cappello in mano”.
    Con stima e aporezzamento.

  8. almeno nella mia regione, a mio avviso, le banche fino a uno-due anni fa avevano dato il credito praticamente a tutti. Non so dove questa correzione possa portare. Perché se viene delocalizzato tutto il sistema industriale, anche in paesi vicini dell’unione europea che hanno differenti sistemi fiscali e costo del lavoro, diventa facile la tentazione delle grandi banche di andare a cercare profitti altrove.

  9. No ma mi chiedo: ma come si fa a scrivere tante corbellerie? MPS è una banca, che fino a quando la Fondazione non è stata messa in ginocchio dalla propria ingordigia di dividendi e non ha quindi più potuto partecipare alle iniezioni di capitale nella banca, era controllata dalla Fondazione. Ovvero gli organi decisionali della Fondazione, nominati da Comune, Provincia, Regione di Siena, Università di Siena, Arcidiocesi di (indovinate?!) Siena, decidevano a loro volta la guida della Banca e ne condizionavano le scelte ordinarie e straordinarie. Si immagini questo disegno, guardi: Sindaco/Governatore della Provincia e della Regione/Rettore e Monsignore nominano chi decide nella Fondazione, che nominano chi decide nella Banca. Contemplare le UK FI (ovvero le banche, RBS e Lloyds, nazionalizzate nel 2008) come modello per la situazione italiana è da scapestrati. Cioè, dopo aver lasciato gestire a 4 enti pubblici a nomina politica (molti di questi inutili, ripeto Comune, Provincia etc) – che immagino si debbano occupare di pulire le strade, amministrare la sanità e altre cose simili – dicevo dopo aver lasciato gestire per decenni a questi enti pubblici una banca (per magari logiche di consenso…il dubbio è lecito no?) lei che idea geniale propone? Ma sì NAZIONALIZZIAMO! E lei si immagina cosa succederebbe se un Bersani (o, mi lasci provocarla nel suo terreno fertile, un Berlusconi) da primo ministro ora si trovasse a nominare, assieme al ministro del Tesoro, oltre che i vertici di Finmeccanica (mi perdonerà la sagacia), anche quelli di MPS?

  10. […] [6]http://keynesblog.com/2013/02/01/monte-dei-paschi-una-privatizzazione-disastrosa/ […]

  11. Buona giornata,

    Offriamo tutti i tipi di prestiti ai privati, cooperare enti, le scuole. il nostro tasso di interesse annuo è del 3% entro 1 anno a 20 anni di rimborso periodo di durata di ogni parte del mondo. Diamo i prestiti all’interno della gamma di 2.000 euro a 50.000,000 euro. Per ulteriori informazioni, si prega di contattarci via e-mail (customersdesiretrustfirm@gmail.com) Saluti.

    Siete Garantita al 100% entro 24 ore dall’applicazione per ottenere prestiti.

  12. How my search for a real loan lender was actualized: I am Engr Belen Drilon by name, A born citizen of New Zealand, But due to my business i reside and i live in Canada. I have been here with my family for the past 25 years now for business. Before i really move on with my success story. I will want to first of all let everyone know that i am not joking with my story. Almost six months ago, I was in a critical search for a genuine loan lending company were i can obtain a loan of $120,000.00 Dollars, On this search i was not lucky to contact this reliable and dedicated loan firm that has taken helping those in need of loan there sole responsibility without failing them. During my search i contact four loan lenders online that promised me loan but at the end of it all i was aware they were fraudsters and complete scammers from Nigeria that were reported to the FBI by me when i found out that they out online to rip were they did not sow. But before i could realize this, I have lost over $17,500.00 dollars to them. Anyway i am so happy now as i am smiling now, Because i finally meet with this reliable loan company called Nort Jeje loan Investment who finally granted me my desired loan amount of $120,000.00 for the period of 16 Years. To be honest with all that are in-search of a real and genuine loan company, I was in a very big doubt when i contact them online after reading through there advert were they said they offer loan to the world, Oh !! I will never forget on the 2/1/2014 which was in the afternoon my time when i was suffing through the internet when i came across the advert that was posted by them. I don’t really know what take my attention to that advert, Because i vowed to God that i will never contact any loan lender online again, That they are all con artist and rip off. But this day that i read through the advert of this loan firm know as Nort Jeje loan Investment, A spirits inside of me direct me to contact them and when i did, I told them all i have been through online trying to get loan and they personally sympathize with me and said to me that i should be lucky and thank God for directing me to them finally, As they are giving me a 100% assurance that after this loan process has been done, That i will get my loan show up on my banking information’s that i sent to them during the period of processing my loan amount. I am so happy and i don’t even know what to say about this dynamic loan firm anymore that i came in-contact with that grant me my loan amount without any trace of scam activities. I am so sure that if this advert that i am dropping on this website is seen by the board of directors of this loan firm they will be impressed as i promised to testify of there goodness if they can grant my huge dream loan amount that has taken my business to the next level now. To all you loan seekers out there that need loan to speed up his / her business, settle long period accumulated bills / debts and to be financially stable, i urge you all today and now to stop searching as i and my wife is telling you all in the name of God for those that are Christians like us and to the Muslims, we are telling you all in the name of Allah if i am right, not to fall a victim to those scammers / rip off artist out there online, As be wise to kindly send your loan application to Nort Jeje loan Investment as you are not going to regret doing this at all. The kind of loans they grant to customers are as follows: Personal Loan, Business Start-up or Expansion, Education, Debt Consolidation, Hard Money Loans, etc. Save yourself from the scam loan lenders online and send your loan application to : nortjeje@hotmail.com for your loan amount.

  13. I can refer you to a Legitimate Loan Company that can service you a loan

    Hello Loan Seeker,

    I saw your email address on the internet that you needed a loan that is why i want to tell you my experience about online lenders,when i needed a loan very desperately to settle my bills which was long over due,i contact many online lenders which most of them came as scams,i was conned several times but when the time came for me to get the loan form this particular lender i was first skpetical thinking this lender might also be a scam,i just decided to give a try like i did with the other lenders after several convincing from this lender,and to my greatest suprise everything worked at like magic.For more information on how i got my loan don contact me via email:celinetan001@gmail.com

  14. Che MPS fosse alla frutta lo sapevamo da tempo ma la sua ultima proposta era davvero interessante:
    http://www.bologna2000.com/2014/11/18/uninvest-spa-ecco-widiba-la-banca-che-sembra-un-social-network/
    Cosa ne pensate di WIDIBA?

  15. Hello Every one out here!

    My name is Anita Henry I want to share my testimony and my happiness with you all in this site, last year my husband left me for another woman in his working place and he abandon me and my 2kids, everything was so hard for me because I love him so much, so I saw the testimonies of Dr Leo how he has been helping ladies in getting there husband back so I contacted him and he help me to cast a return spell for my husband and in 3 days my husband left the other woman and he come back to me with so much love and caring. I will never forget this help that Dr Leo gave to me and my children.if you are here you need help to get you lover back you can contact him through this email drleolove111@hotmail.com, I am proud to be on his testimony page.

  16. E sobre o pagamento final? que seria a 60ª parcela.

  17. Ciao Signore e Signori

    Offro prestiti che vanno da € 1000 a € 999.000.000 a chiunque possa ripagare con gli interessi. Ogni persona interessata. Sono pronto per i prestiti internazionali per persone in tutto il mondo. Contattateci oggi se l’applicazione è potenzialmente rilevante da noi menzionando l’importo esatto della richiesta e riferimento alla durata del prestito. Sono pronto a soddisfare le 48 ore dal ricevimento della domanda.

    Email: weller-georges@outlook.fr

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.572 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: