9 commenti

Il fallimento dell’austerità. La sinistra si interroghi sulla permanenza nell’euro

Se le buone intenzioni contenute nella “Carta d’intenti” dei progressisti italiani non fossero politicamente realizzabili per l’indifferenza di quelli tedeschi, la sinistra dovrà cominciare a elaborare una strategia di uscita dalla moneta unica e una revisione critica del mercato unico europeo

di Emiliano Brancaccio (da Pubblico, 6 novembre 2012)

L’aspetto più inquietante dell’ultimo rapporto ISTAT non risiede nella notizia che la disoccupazione in Italia ha fatto registrare l’ennesimo picco. L’allarme principale riguarda il 2013: per l’anno prossimo l’istituto nazionale di statistica prevede ancora recessione e un incremento ancor più accentuato dei senza lavoro. L’ISTAT conferma così lo scenario depressivo che era stato già evocato ad ottobre dal Fondo Monetario Internazionale, con una pesante revisione al ribasso delle previsioni future di crescita della zona euro e soprattutto dell’Italia. Il quadro che si prospetta è dunque dei più funesti, ma in fondo non dovrebbe meravigliare. Due anni e mezzo fa, ai primi cenni della crisi europea, duecentocinquanta economisti pubblicarono una “Lettera” che lanciava l’allarme sui pesantissimi effetti recessivi che le politiche di austerity avrebbero determinato. Un appello profetico, che rimase inascoltato. Il risultato è che oggi precipitiamo nella depressione senza nemmeno intravederne il pavimento.

Le stime degli istituti di ricerca appaiono particolarmente impietose per il governo italiano. Esse ci dicono che tra il professor Monti, che con voce sempre più incerta tuttora favoleggia su una fantomatica «luce in fondo al tunnel», e la signora Merkel, che brutalmente ci comunica che non usciremo dalla crisi prima di cinque anni, la cancelliera tedesca appare molto più in sintonia con la realtà dei dati economici.

Del resto non è la sola, dalle sue parti: a Berlino in tanti ormai riconoscono che le politiche di taglio della spesa pubblica e di aumento della pressione fiscale deprimeranno i redditi e l’occupazione molto più a lungo e più intensamente di quanto si fosse disposti ad ammettere qualche mese fa. Sbagliano però i commentatori che interpretano questa presa d’atto della Merkel come un sintomo di ripensamento sugli effetti dell’austerity. Questa speranza è diffusa soprattutto tra le file della sinistra francese e nostrana, ma sembra mal riposta. Gli europeisti speranzosi dovrebbero infatti rammentare che questa crisi ricade in modo asimmetrico sul continente. La Germania la subisce in misura molto meno accentuata di noi e degli altri paesi del Sud Europa, e per molti versi riesce persino a sfruttarla a proprio vantaggio. Basti notare che dal 2007 ad oggi in Italia abbiamo perso settecentomila posti di lavoro, mentre l’economia tedesca ha fatto registrare un milione e seicentomila nuovi occupati. Anche la distribuzione sul continente dei fallimenti aziendali riflette questa profonda asimmetria europea. Ma soprattutto, sembra sfuggire ai più che la crisi sta determinando una caduta del valore relativo dei capitali industriali e bancari dei paesi del Sud Europa. I grandi possessori di liquidità, in buona parte situati in Germania, potranno sfruttare in misura crescente questi deprezzamenti per fare shopping a buon mercato alle nostre latitudini, col risultato di depauperarle ulteriormente.

Insomma, le autorità tedesche e i gruppi d’interesse prevalenti in Germania leggono i dati della crisi con più onestà del nostro establishment, ma non sembrano per questo intenzionati a modificare l’orientamento della politica economica europea. La Merkel e i suoi ammettono che la traversata nel deserto della crisi sarà lunga. Essi tuttavia sembrano concepirla come una sorta di passeggiata “purificatrice”, che lascerà un bel po’ di vittime per strada ma che proprio per questo favorirà il processo di egemonizzazione tedesca dell’economia europea. Al di là delle scaramucce nel consiglio direttivo della Bce, lo stesso Draghi ha assecondato questa visione, considerando la minaccia dello spread il più efficace propulsore delle “riforme” imposte da Berlino. Di fronte a queste poco rassicuranti evidenze, l’europeista speranzoso tuttora confida in una svolta keynesiana guidata dai socialdemocratici tedeschi. Ma a ben guardare nemmeno questi sembrano desiderosi di prender le distanze dall’attuale concezione “imperiale” della ristrutturazione europea. Anzi, talvolta tendono ad attaccare la Merkel proprio sul versante del “rigore”, esigendo dalla cancelliera una fedeltà se possibile ancor più cristallina alla dottrina dell’austerity.

Forse, anziché limitarsi a sperare, la sinistra europeista potrebbe iniziare a interrogarsi. Per esempio: se le buone intenzioni di riforma dell’Unione europea indicate nella “carta d’intenti” delle primarie si scontreranno con l’indifferenza dei compagni e amici tedeschi da un lato e con la realtà di una crisi produttiva e occupazionale senza freni dall’altro, la sinistra italiana farà bene a rassegnarsi o dovrà piuttosto cominciare a elaborare una strategia di uscita dalla moneta unica e una revisione critica del mercato unico europeo? La questione, per quanto scomoda, inizia a farsi urgente.

Via: http://www.emilianobrancaccio.it/2012/11/06/il-fallimento-dellausterity-la-sinistra-si-interroghi-sulla-permanenza-nelleuro/

About these ads

9 commenti su “Il fallimento dell’austerità. La sinistra si interroghi sulla permanenza nell’euro

  1. Reblogged this on leanworkspace blog and commented:
    Il fallimento dell’austerità. La sinistra si interroghi sulla permanenza nell’euro

  2. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. A proposito di uscita dall’euro!
    Diciamo la verità!

    Minacciare l’uscita dall’euro da parte dell’ Italia o dei paesi PIIGS serve solo a controllare l’avidità degli speculatori istituzionali nazionali ed internazionali ed a mantenere in piedi il meccanismo di espropriazione!
    Nella realtà il ritorno alla carta-moneta emessa da banche centrali private nazionali non cambierebbe di molto la problematica del debito pubblico!
    La soluzione è la banca centrale sovrana nazionale o sovranazionale e gli economisti seri losanno!
    Alessandro Mantione

  4. Mantione, sei un proudhoniano del cazzo. Tu gli mmt e gli altri idioti del web, leggetevi almeno qualche bignami di Marx e poi parlate.

  5. se la Merkel ha parlato di altri cinque anni di purgatorio, forse dovremmo chiamarlo inferno, significa che la luce in fondo al tunnel inizierà, nella migliore delle ipotesi, a vedersi tra 20anni. La UE e la moneta unica, unitamente ai vincoli di bilancio totalmente ipotetici e farlocchi, non ha nessuna utilità pratica per il cittadino, in compenso lo sottopone a vessazioni economiche e disservizi di ogni sorta. Egemonizzare l’europa è un disegno diabolico elaborato dalle cupole di economiche planetarie. NESSUNO è in grado di dimostrare in modo tangibile l’importanza dell’euro, la validità di un continente trasformato in famiglia con figli e figliastri, NESSUNO è in grado di dimostrare in modo tangibile l’utilità pratica di questa austerità. Fior di economisti hanno dichiarato che se la Grecia fallisse impiegherebbe 6/7 anni per risorgere economicamente, farsi commissariare dalla Germania significa annichilire il futuro di una intera generazione, perchè scelgono la strada più negativa??? Chi li obbliga a sottomettersi???

    Il PD, grazie a Prodi, è un coautore, uno sceneggiatore di questo dramma, prendere in considerazione l’uscita dall’euro significherebbe porre in essere una eutanasia politica.

    Che aria tirava lo si è capito subito, un euro più forte del dollaro ha penalizzato le esportazioni ma non ha favorito le importazioni, è inutile pagare il petrolio in dollari ribassati quando si arriva a un costo/barile proibitivo.

    Il mondo è in mano a speculatori senza scupoli che stanno mungendo l’europa senza pietà, speculatori favoriti da utopie e percorsi sbagliati da seguire ad ogni costo per non perdere un assurdo potere fondato sul niente che si nutre di sangue.

    TADS

  6. Si, la Germania comanderà in Europa, come la Lombardia e il Nord hanno comandato nella Italia post unitaria. La prima cosa da fare è accettare la realtà. Inutile parlare di uscire dall’Europa se anche la Serbia e l’Albania ci vogliono entrare! La concentrazione industriale nel centro Europa è irreversibile.

  7. Signor Giorgio Frau,
    la Serbia e l’Albania non hanno niente, l’Italia è un paese che potrebbe fare il grosso del pil solo grazie al turismo, climatico, culturale, artistico, gastronomico e per bellezze naturali, una immensa risorsa sfruttata nel peggiore dei modi.

    A noi serve “solo” una classe politica onesta, lungimirante, efficiente e non sottomessa a poteri sovranazionali nè a logiche ideologiche obsolete, non abbiamo bisogno di monete uniche nè di tutori finanziari, tanto meno di asservirci ad altri.

    TADS

  8. Infatti l’ uscita dall’ euro va fatta ( inevitabilmente ) di pari passo con una reintroduzione dei controlli sui movimenti di capitale: una messa in discussione del mercato unico e dei suoi trattati quindi… altro che accettare la centralizzazione dell’ industria verso la Germania! Questo è un meccanismo che va arrestato. Altrimenti ci ritroveremo entro pochi anni il partito neo borbonico nel parlamento italiano. Se in Europa ciò che ci interessa è solo convivere in pace non c’è alcun bisogno dell’ euro, della bce e di un mercato unico senza possibilità alcune di micro, limitati protezionismi.
    Dove abbiate letto che la Serbia voglia entrare lo dovete spiegare, visto che nei sondaggi l’ euroscetticismo regna sovrano, anche nel loro centrosinistra.

    L’ unico ” più europa sano” è una pacifica convivenza tra stati europei sovrani, chi vuole l’ euro a tutti i costi vuol dire che non ha volontà politica di creare questa prassi da governi europei, ma anzi vuole imporre le scelte con la scusa del vincolo esterno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.182 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: